Il quarto di finale più interessante di questa Coppa d’Africa metteva di fronte Costa d’Avorio ed Algeria; Gli Elefanti arrivavano a questo appuntamento dopo aver vinto, di misura, contro il Mali. Discorso completamente diverso per la nazionale guidata da Belmadi, vera favorita della competizione dopo le eliminazioni di Marocco ed EgittoLe Volpi del deserto, agli ottavi, hanno dominato la Guinea con un secco tre a zero. Il match, come la maggior parte di quelli disputati fino a questo momento, è stato caratterizzato da un sostanziale equilibrio nonostante l’Algeria abbia avuto più occasioni tra cui un rigore fallito da Bounedjah. Alla fine sono serviti i tiri dagli undici metri per decretare la semifinalista. A qualificarsi sono stati Feghouli e compagni pronti ad affrontare la Nigeria.

Algeria, pronostico rispettato

Niente sorpresa, in semifinale ci va l’Algeria; Le Volpi del deserto, al termine di una partita intensa, hanno bisogno dei calci di rigore per archiviare la pratica Costa d’Avorio. Una gara che i ragazzi di Belmadi avrebbero potuto chiudere nei novanta minuti viste le occasioni create; è mancato un pizzico di cinismo ad una nazionale che, arrivata a questo punto, deve essere obbligatoriamente considerata come la favorita della competizione. L’Algeria ha una rosa ricca di talento e può usufruire di una panchina all’altezza dei titolari (questa sera sono entrati Ounas e Slimani). La qualità dal centrocampo in su e un reparto difensivo estremamente compatto; quello di Kodjia, infatti, è l’unico goal subito in cinque partite. Ora in semifinale ci sarà la sfida alla Nigeria per provare a raggiungere la finale.

Costa d’Avorio, rammarico dagli undici metri

La Costa d’Avorio esce con rammarico; Kessie e compagni, nonostante l’inferiorità tecnica, hanno messo in difficoltà l’Algeria fino all’ultimo tiro dal dischetto. Kamara è stato tradito da Bony e Serey Die fermati, rispettivamente, dal portiere e dal palo. Quella degli Elefanti, nonostante l’eliminazione, hanno disputato una buona Coppa d’Africa; i rigori, si sa, sono una lotteria.