Il Barcellona, dopo aver ottenuto la qualificazione alla semifinale di Champions League, tornava al Camp Nou con l’obiettivo di ottenere altri tre punti per avvicinare la conquista del titolo. Messi e compagni, dopo il pari a reti bianche con l’Huesca, affrontavano la Real Sociedad senza troppe pressioni di classifica. I ragazzi di Alguacil, con la testa libera, hanno giocato una buona gara mettendo in difficoltà un Barca con poca voglia di alzare i ritmi e fare la classica gara. Alla fine, però, i ragazzi di Valverde ottengono i tre punti e avvicinano la certezza matematica del titolo. La notizia, oltre al fatto che la gara è stata decisa da due difensori, è il non vedere nel tabellino dei marcatori Lionel Messi.

Barcellona, questa volta è la difesa ad essere decisiva

Strano da dire ma, per una volta, il Barcellona ha vinto grazie alla difesa; un goal di testa di Lenglet e l’inserimento del solito Alba hanno regalato i tre punti alla capolista. Riposo, dunque, per il tridente; o forse no visto che, quando i blaugrana vincono, non può mancare la firma di Leo Messi oggi decisivo con l’assist del due a uno. Una squadra che punta al triplete e oggi ha dimostrato, dopo aver subito il pareggio, quella volontà di andarsi a prendere la vittoria nonostante la distanza di sicurezza dall’Atletico. Questione di mentalità; il Barcellona sa che per la conquista della Liga manca poco ma vuole chiudere subito la pratica per potersi concentrare sulla Champions visto il doppio impegno con il Liverpool.

Le prossime sfide, a partire da quella con l’Alavés, serviranno a Valverde a tenere alta la concentrazione per non commettere lo stesso errore della Juventus prima della sfida con l’Ajax. Questa sera il tecnico può essere soddisfatto per aver visto la sua squadra vincere in un modo diverso, con la difesa. Altro segnale per far capire come il Barcellona sia nettamente superiore alle avversarie.