Due squadre separate da soli tre punti si affrontano con l’obiettivo di confermare le loro ambizioni in un campionato che non ha ancora un padrone (il Bayern ha iniziato con il freno a mano tirato). Lipsia e Schalke, filosofie di gioco completamente diverse ma ugualmente efficaci. I ragazzi di Nagelsmann sono partiti fortissimo mostrando sin da subito la voglia di compiere quella che sarebbe una vera e propria impresa; Knappen che invece hanno avuto bisogno di uno schiaffo, il tre a zero del Bayern, per cambiare marcia. Alla Red Bull Arena va in scena un match che mette in palio punti delicatissimi.

Lipsia, un’altra settimana di fuoco

Schalke, Lione, Leverkusen: un trittico delicato prima di arrivare alla sosta per le nazionali. Si inizia affrontando i ragazzi di Wagner, una squadra carica di entusiasmo dopo le tre vittorie consecutive. Servirà la miglior versione del Lipsia per conquistare tre, importantissimi, punti. Quali sono le insidie principali per Werner e compagni? Una rosa non eccessivamente lunga e la paura dell’altezza. La squadra di Nagelsmann, arrivata a questo punto e dopo aver superato l’esame Bayern, deve iniziare lo step successivo. Bisogna avere una continuità importante di risultati; per vincere la Bundesliga serve sbagliare il meno possibile a partire dalla delicata contro lo Schalke.

Schalke, bivio importante

Novanta minuti per capire il futuro dello Schalke; la gara con il Lipsia è l’esame che i Knappen aspettavano dopo la batosta interna con il Bayern Monaco. Da quel ventiquattro agosto sono cambiate tante cose con la squadra che ha totalmente cambiato marcia: tre vittorie, dieci goal fatti, solamente due subiti e un Harit decisivo con tre goal e un assist negli ultimi centottanta minuti. Gli avversari affrontati in questo periodo, Hertha, Paderborn e Mainz, sono impegnati nella lotta salvezza; ecco perché serve la prova del nove. Alla Red Bull Arena capiremo se lo Schalke è diventato grande.