La Tunisia inizia la sua Coppa d’Africa 2019 con un pareggio contro l’Angola. La partita si conclude con il risultato di 1-1, vantaggio tunisino con Msakni su calcio di rigore e risposta di Djalma a 17 minuti dalla fine. Risultato deludente per la Tunisia che ha iniziato questo torneo con l’obiettivo di raggiungere almeno le semifinali e che ora dovrà assolutamente battere il Mali nella seconda giornata. Il Mali, dal canto suo, sarà impegnato nella prima giornata del girone contro la Mauritania, una delle tre esordienti.

Con il gol segnato contro l’Angola sale in doppia cifra il bottino personale con la maglia della Tunisia di Youssef Msakni. 10 gol in 55 presenze totali per un attaccante che nella prima parte del 2018 ha vissuto un periodo difficilissimo a causa di un infortunio al legamento crociato. Msakni ha provato a rifarsi nel 2019 con il passaggio all’Eupen, squadra che milita nella massima divisione belga, con cui ha giocato solamente 13 partite tra regular season e playoff segnando 3 gol. Pochi gol che però gli hanno permesso di riprendere confidenza con il campo e per un’attaccante che in carriera ha segnato 131 gol in 291 presenze non è cosa da poco.

Dall’altra parte ha risposto un giocatore ben più esperto dall’alto dei suoi 32 anni che ha trovato il suo primo gol in Coppa d’Africa. Djalma gioca nell’Alanyaspor in Turchia, squadra con la quale ha segnato 4 gol in 28 presenze nel campionato da poco concluso. Come detto quello segnato oggi è il suo primo gol in Coppa d’Africa mentre è il sesto in totale con la maglia delle Antilopi Nere. Il suo modo di giocare non lo porta a finire spesso sul tabellino dei marcatori anche se la sua esperienza potrebbe risultare molto importante per una squadra come l’Angola che ora può davvero sperare nel passaggio del turno dopo aver fermato sul pari una squadra ben più quotata come la Tunisia.

La Tunisia è arrivata a questa Coppa d’Africa dopo aver dominato il proprio girone di qualificazione concluso con il primo posto mettendo dietro niente meno che l’Egitto di Mohamed Salah. L’Angola ha conquistato anch’essa la prima posizione nonostante gli stessi punti della Mauritania, squadra che per ironia della sorte è finita proprio nello stesso girone dell’Angola in questo torneo. In attesa di scoprire quello che combinerà il Mali, Tunisia e Angola hanno iniziato la loro Coppa d’Africa con un pari che fa contenti i secondi e lascia l’amaro in bocca ai primi.