Entra in scena l’ultimo atto dei playoff Europa League di Eredivisie: il match d’andata della finale se lo aggiudica il Vitesse che si impone per 3-2 contro l’Utrecht al Gelredome. A trascinare gli uomini di Fraser sono sempre i soliti Mount e Linssen con Kashia. De Jong non resta a guardare e, come contro l’Heerenveen, riesce a siglare delle realizzazioni pesanti che tengono a galla i suoi uomini in vista del ritorno allo Stadion Galgenwaard. I frisoni uscirono con un ottimo 4-3 dalle semifinali d’andata per poi essere sconfitti nei successivi 90 minuti: il club di Arnhem dovrà stare attento a non fare la stessa fine di Ghoochannejhad e compagni.

PLAYOFF NEL SEGNO DI MOUNT: 5° GOL E UN PIEDE IN EUROPA LEAGUE

I playoff Europa League entrano nell’atto finale: le ultime due sfide decreteranno chi tra Vitesse e Utrecht potrà accedere alla competizione europea. Il primo match se lo è aggiudicato il club giallonero con un secco 3-2 al Gelredome: gli ospiti rispondono colpo su colpo senza mai mostrare eccessivamente il fianco, ma cadono nel finale, nell’ultima conclusione avversaria, firmata da Kashia. Gli uomini di De Jong si presentano ad Arnhem con la stessa cattiveria e voglia di vincere vista nell’andata contro l’Heerenveen, persa per 4-3 dopo aver recuperato un doppio svantaggio in 10 uomini: lo scenario è lo stesso e, i tifosi dell’Utrecht, sperano che anche il finale sia il medesimo, con il successo della propria compagine.

I primi 45 minuti sono di studio con poche emozioni e con il Vitesse più propenso all’attacco, con il tridente offensivo pungente e in serata. Poco prima il duplice fischio, l’occasione più nitida viene sfruttata dal solito Mount che sta continuando a sorpredere con il 5° centro in 3 partite dei playoff. Il giovane centrocampista del Chelsea continua a far parlare di se e si sta guadagnando la possibilità di non essere ceduto nuovamente in prestito dai Blues. Nella ripresa si accedono gli ospiti che provano ad acciufare il pareggio e ci riescono grazie a Leeuwin all’ora di gioco: nonostante la batosta, i padroni di casa non si scoraggiano e tornano ad assaltare il fortino nemico. Ad espugnarlo, per un nuovo vantaggio, è Linssen, il mattatore e bomber della rosa che ha deciso di non fermarsi più: 2-1 che fa esplodere il Gelredome e che mette al sicuro il risultato. Peccato che le sorprese non finiscono qui: prova a rovinare la gioia del Vitesse Labyad che, non contento di aver messo in pericolo il poker di Streppel nella semifinale d’andata, riacciuffa gli avversari allo scadere firmando il temporaneo 2-2. Gli spalti si ammutoliscono ma per poco, per 5 giri di orologio circa, perchè Kashia, nel primo minuto di recupero, supera Jensen e chiude i conti con il definitivo 3-2.

Successo determinante per Fraser che giungerà al ritorno con 2 risultati utili su 3: l’Utrecht lascia uno spiraglio aperto, dal quale vede in lontananza l’Europa League. I biancorossi possono ribaltare nuovamente il parziale e strappare l’ultimo pass per i preliminari della competizione europea. Aspettiamo il verdetto con gli ultimi 90 minuti che andranno in scena precisamente tra 3 giorni, il 19 maggio.