De Klassieker è del Feyenoord che non fa prigionieri al De Kuip: dopo aver battuto il Psv per 2-1, rompendo la serie positiva di sole vittorie, viene sconfitto anche l’Ajax che crolla sotto l’attacco avversario. Pesante il ko di Ten Hag che incassa ben 6 reti con un Van Persie in grande spolvero e un Toornstra imprendibile, autore di 3 assist e una realizzazione: la rincorsa al Psv diventa sempre più difficile con i Boeren che tornano a 5 lunghezze di distanza. I Rotterdammers consolidano il terzo posto approfittando della contemporanea sconfitta di Utrecht e Vitesse, rivali non all’altezza del gradino più basso del podio.

GOLEADA AL DE KUIP: IL FEYENOORD STRAPPAZZA ANCHE L’AJAX

Van Bronckhorst decide di andare via e il Feyenoord regala due grandi prestazioni che valgono la semifinale di KNVB Beker e un bel 6-2 nel Klassieker contro l’Ajax: la seconda in classifica viene travolta con un Van Persie in grande forma e un Toornstra che regala una partita fantastica ai suoi tifosi. Il miglior attacco dell’Eredivisie esce con le ossa rotte da Rotterdam con una corsa al Psv nuovamente compromessa, dopo l’occasione mancanta contro l’Heerenveen.

I padroni di casa dominano dal primo all’ultimo minuto, nonostante gli ospiti rieascano a passare in vantaggio dopo pochi minuti con il solito Schone. Toornstra sale in cattedra e pareggia il parziale siglando il 5° centro stagionale. L’olandese si riprende i propri tifosi dopo prestazioni sottotono e di poca qualità: contro gli ajacidi anche 3 assist che hanno mandato in rete Berghuis (per il 2-1), Van Persie (per il 3-2) e Vilhena per il 5-2. Parlando proprio dell’ex Arsenal, gli anni passano ma il suo apporto al gol non diminuisce mai: altra doppietta che porta le realizzazioni in campionato a 10, in piena corsa per il titolo di capocannoniere ben saldo nelle mani di De Jong in testa con 15 marcature. Van Persie, nel 2019, tra campionato e coppa è già arrivato a 5 reti in 3 partite, dando un apporto forte e determinante alla causa dei Rotterdammers. Chiudono i giochi il neo entrato Ayoub, nuovamente in rete dopo appena un minuto dal suo ingresso in campo, e Vilhena: il terzo posto blindato visti gli scivoloni di Utrecht e Vitesse.

Passo falso e sonora sconfitta per l’Ajax che deve abbandonare, momentaneamente, la rincorsa al Psv che allunga nuovamente: inutile anche il 2-2 di Ziyech che, in settimana, aveva allontanato la Roma che aveva chiesto informazioni per strapparlo nel mercato invernale. Ten Hag torna ridimensionato a casa con un avvio terribile di 2019: un pareggio che impedisce l’aggancio ai Boeren e un ko che ne aumenta il divario. L’unica consolazione è l’attacco che resta il più efficace della competizione, ma è veramente un traguardo di poco conto vista la fragilità difensiva: per il reparto è il 10° gol in 2 partite con uno score che sale a 18 e che si era fermato ad 8 in tutto il girone d’andata. In 180 minuti, incassati più gol di quanto fatto in 17 gare: l’Eredivisie non è chiusa, ma il colpo di oggi resterà impresso nella memoria.