Il successo del Manchester City sul Brighton con cui i Citizens hanno conquistato la Premier League è gran parte merito di Guardiola capace di creare una squadra (quasi) perfetta. Cinque trofei in tre anni e la possibilità di arrivare a sei contro il Watford nella finale della FA Cup. Un vero e proprio maestro nel suo lavoro grazie al fatto di esser riuscito ad imporre la sua filosofia ovunque sia. Un tecnico entrato di diritto nell’Olimpo del calcio inglese; grazie a questo successo, infatti, raggiunge Ferguson e Mourinho tra quelli in grado di vincere due volte in fila la Prmier. Una soddisfazione non da poco per chi, da anni, sta battendo record su record.

Guardiola, un dominio che parte da lontano

Sir Alex Ferguson con il Manchester United, Mourinho con il Chelsea ed ora Guardiola con il City; il tecnico spagnolo riesce nell’impresa di vincere due volte in fila un campionato difficile come la Premier League e lo ha fatto a modo suo, dominando dall’inizio. Si, il Liverpool ha finito con un solo punto in meno ma il gioco espresso dai Citizens è stato semplicemente fantastico. Continue sovrapposizioni, tagli dei centrocampisti, scambi di posizioni delle punte in modo da non dare punti di riferimento all’avversario. Concetti chiave visto che servirebbe un libro per elencare tutto il manuale di Guardiola; basti ricordare che lui ha iniziato questa filosofia con i Blaugrana quando inventò il famoso tiki-taka. Da quel momento tanti successi, ventisei per la precisione tra Spagna, Germania ed Inghilterra; a livello di campionato nazionale non ha vinto un solo anno con Barcellona e City mentre ha fatto en plein con il Bayern Monaco. Un tecnico capace di rivoluzionare il calcio, introducendo nuovi concetti come il portare sul terreno di gioco contemporaneamente cinque giocatori offensivi senza perdere di vista l’equilibrio; un allenatore che decide in primis sul mercato sapendo perfettamente come trasformare una squadra.

Guardiola non è uno come gli altri; lui è speciale e con la vittoria della Premier lo ha dimostrato ancora una volta. Raggiunti Ferguson e Mourinho entra di diritto nella storia del calcio inglese.