Il Psv riesce a strappare, in extremis, una vittoria che vale quasi il passaggio del turno: gli uomini di Van Bommel sono capaci di passare in vantaggio, farsi superare dal Basilea per poi ribaltare il parziale in pieno recupero. Il tecnico è riuscito, con i cambi, a dare una scossa ai suoi, soprattutto in attacco: Lammers regala il pari, Malen chiude i giochi dopo l’assist per il momentaneo 1-0 di Bruma.

PSV, VITTORIA DI CARATTERE E ORGOGLIO: IL BASILEA SPERA NEL MIRACOLO

Il Psv raddrizza un match che si stava complicando come tutta la questione qualificazione: il 2-1 all’80’ per gli elvetici aveva ammutolito l’intero Philips Stadion che si è rifatto in un finale al cardiopalma. Il Basilea resta in piena corsa per il passaggio con due reti che fanno ben sperare il tecnico Koller: in Svizzera potranno contare solo sulla vittoria con il fattore campo che sarà determinante.

L’incontro per i Boeren si apre nel migliore dei modi con Bruma che rompe gli indugi dopo appena un quarto d’ora, realizzando il primo gol all’esordio ufficiale con la maglia biancorossa. I padroni di casa, però, si accontentano di un primo tempo abbastanza positivo e vengono beffati prima del duplice fischio con il pareggio di Ajeti. La marcatura distrugge le certezze del Psv che torna in campo molle ed impaurito con un Lozano fuori forma e un Bergwijn che si accende solo a tratti. Il colpo del ko sembra arrivare all’80’ con il raddoppio ospite di Alderete. Van Bommel si gioca il tutto per tutto e butta nella mischia Lammers, il miglior realizzatore dell’Heerenveen nella scorsa stagione. Tornato dal prestito per sopperire alla partenza di De Jong, il giovane talento si mette subito in mostra superando l’estremo difensore rossoblu e pareggiando allo scadere dei 90 minuti. Proprio come Luuk, anche Lammers dimostra di avere un importante fiuto per i centri pesanti ed importanti.

Il Psv si riversa nella metà campo avversaria e da un’invenzione di Gutierrez arriva l’assist per il definitivo 3-2 di Malen a pochi secondi dal triplice fischio. Passaggio teso in piena area con l’attaccante lesto ad insaccare di tacco: l’uomo della provvidenza riparte proprio dalla sua qualità più spiccata, quella di segnare gol nei minuti finali delle partite con un tempismo e un’efficacia che hanno salvato in più di un’occasione Van Bommel. Anche questa volta il tecnico può tirare un profondo sospiro di sollievo. La vittoria è fondamentale in vista del ritorno: il Basilea può solo vincere, mentre gli olandesi si presentano in Svizzera con due risultati su tre a favore. La trasferta non è delle più facili, ma con qualche accortezza in più si potrà raggiungere l’Ajax nel terzo turno preliminare di Champions.