Il 22esimo turno di Liga si è concluso come di consueto con il posticipo del lunedì sera vinto dal Leganés nel derby contro il Rayo Vallecano. Nel weekend abbiamo assistito allo spettacolare pareggio tra Barcellona e Valencia con l’Atletico Madrid che non ha sfruttato l’occasione di avvicinarsi alla capolista vista la sconfitta di misura sul campo del Betis. Il Siviglia perde a Vigo e ora deve stare attento alle proprie spalle per la corsa al quarto posto attualmente occupato proprio dai Rojiblancos con 4 punti di vantaggio sul terzetto composto da Getafe, Betis e Alavés. Andiamo dunque a scoprire insieme chi sono i tre protagonisti della 22esima giornata di Liga.

LIONEL MESSI (Barcellona)

Nei protagonisti del weekend appena passato di Liga non poteva assolutamente mancare Lionel Messi. Il fuoriclasse argentino ha siglato una doppietta permettendo al suo Barcellona di rimontare un Valencia che si era addirittura portato sul 2-0 dopo 32 minuti di gara. Da segnalare il secondo gol, un sinistro a giro forte e preciso che ha lasciato di stucco un Neto in gran giornata. Con queste due reti Messi allunga in testa alla classifica marcatori con 21 gol segnati, in seconda posizione troviamo il suo compagno di squadra Suárez rimasto fermo a 15 mentre chiude il podio Stuani con 12 realizzazioni.

ENRIC GALLEGO (Huesca)

La storia di Enric Gallego è di quelle a cui si fa quasi fatica a credere. Basti pensare che a 20 anni l’attuale attaccante dell’Huesca non giocava neppure a calcio mentre ora, con la carta d’identità che recita 32 anni, si trova a giocare la Liga. Ci sono volute solamente tre partite per mettere a segno il primo gol con la maglia nell’Huesca, Gallego ha aperto la sfida vinta per 4-0 contro il Real Valladolid con una discesa solitaria verso la porta conclusa con un preciso tocco di sinistra ad anticipare il movimento del portiere in uscita. L’Huesca ha cosi trovato una spettacolare vittoria e grazie anche a Gallego il sogno salvezza è ancora possibile anche se i 9 punti di distacco dal Girona quartultimo non sono pochi.

VINÍCIUS JÚNIOR (Real Madrid)

Il tanto atteso primo gol in Liga di Vinícius Júnior è finalmente arrivato. Il Real Madrid si sta aggrappando alla ritrovata vena realizzativa di Karim Benzema per risalire la classifica ma l’apporto del giovanissimo esterno offensivo brasiliano non è da sottovalutare. Vinícius, nonostante i suoi 18 anni, ha avuto un impatto davvero incredibile con un ambiente scosso dalle partenze di Zidane e Cristiano Ronaldo. Le sue giocate di alta scuola unite ad una personalità fuori dal normale per un ragazzo cosi giovane gli hanno permesso di guadagnare partita dopo partita il consenso dei due allenatori che lo hanno allenato in questa prima metà abbondante di stagione. Ora Solari non sembra intenzionato a toglierlo dall’undici iniziale e i risultati gli stanno dando pienamente ragione.