Tante parole sono state sprecate e altrettante ne saranno dette nei mesi a venire: quella di Mohamed Salah è stata una stagione superlativa, sorprendente, al di sopra di qualsiasi aspettativa. Tralasciando i discorsi sulla Champions League e l’ipotetico Pallone d’Oro che qualcuno gli ha virtualmente già assegnato, l’esterno egiziano è riuscito a superare a pieni voti non soltanto l’impatto con un campionato che in passato gli aveva regalato più dolori che gioie, ma a diventare addirittura uno degli uomini che proprio della Premier League hanno fatto la storia.

Già, perché se soltanto due mesi fa vi parlavamo di un dualismo in perfetto equilibrio con Harry Kane, questo finale di campionato ci ha regalato una sorpresa incredibile: il bomber del Tottenham questa volta non è riuscito a tenere il passo del suo inaspettato avversario, conquistando soltanto il secondo posto di una classifica marcatori che negli ultimi anni aveva sempre dominato. Il dato più sconvolgente però non è soltanto questo passaggio di testimone, ma il fatto che in 38 partite di campionato Salah è riuscito a segnare ben 32 gol, infrangendo qualsiasi record esistente da quando la Premier League ha adottato il formato da 20 squadre. A superarlo resta soltanto Andy Cole che in un solo campionato riuscì a mettere a segno 34 reti nella stagione 1993/94, avendo però a disposizione quattro partite in più.

Si spostino dunque i vari Alan Shearer, Cristiano Ronaldo e Luis Suarez, tutti fermi a quota 31 reti nelle loro esperienze inglesi, perché il nuovo eroe del campionato è proprio Salah: è lui che ha riscritto la storia, è lui che ha messo alle corde centravanti dalla grande esperienza come Aguero, Lukaku e Lacazette, lasciandogli soltanto le briciole di un record che difficilmente potrà essere superato nei prossimi anni.

Al momento l’egiziano è arrivato a toccare l’incredibile quota di 44 gol messi a segno in tutte le competizioni in cui ha giocato, un numero di reti elevatissimo se ci si ricorda che lui è tutto fuorché un ariete da aera di rigore. L’obiettivo Scarpa d’Oro della Premier League è archiviato ma resta ancora la finale di Champions League: per chiudere in maniera spettacolare la stagione più bella di tutta la sua carriera a Momo Salah non resta altro che sollevare al cielo di Kiev la coppa dalle grandi orecchie, prima di vestire i panni dell’eroe anche con il suo Egitto al Mondiale e puntare concretamente alla vittoria del Pallone d’Oro per sbaragliare la concorrenza anche dei due giocatori più forti al mondo.