Non arriva la vittoria nella seconda amichevole estiva del Liverpool ma si sente forte e chiaro lo squillo del nuovo acquisto Mohamed Salah: alla prima apparizione da titolare l’egiziano mette subito le cose in chiaro riportando in parità il friendly match contro il Wigan, passato in vantaggio grazie alla rete di Gilbey.

Quella di Salah è una rete che mette in luce il bellissimo lavoro portato avanti da Klopp, demiurgo di un gruppo destinato a stupire nella prossima stagione: Coutinho ruba un pallone d’astuzia sfruttando la distrazione di un difensore avversario, Firmino lo lavora servendolo col contagocce all’ex Roma che senza pensarci due volte beffa a tu per tu il portiere concludendo nel migliore dei modi la prima di tante azioni corali del nuovo Liverpool.

La partita è sicuramente più impegnativa rispetto alla prima amichevole (conclusa con un netto 4-0) ed i Reds sfoderano la formazione quasi al completo, almeno nel primo tempo: in campo spazio a tutti quelli che saranno sicuramente i titolari nella prossima stagione, già pronti ad oliare i meccanismi per far girare al meglio la macchina di Klopp. Nella ripresa invece è tempo di esperimenti con ben 11 cambi su 11 in contemporanea per testare anche i ricambi: fra tutti spicca l’ingresso in campo di Solanke, giovane stella dell’Inghilterra under 20 scippato a zero ai rivali del Chelsea e destinato a conquistarsi con impegno il posto di prima punta in un Liverpool che ne ha disperatamente bisogno.

Il pareggio tutto sommato non va stretto ai Reds, ancora non entrati pienamente nel ritmo partita ma che già mostrano segni rassicuranti per il futuro: Salah ha dimostrato di essere e tutti gli effetti la ciliegina sulla torta preparata con cura da Klopp, l’uomo giusto arrivato proprio al momento giusto e già destinato ad avere una sinergia speciale con i suoi talentuosi compagni di reparto.