Il Manchester City ottiene l’accesso ai quarti di finale della Fa Cup battendo 4-1 il Newport Country al Rodney Parade. Le reti per i Citizens sono state messe a segno da Leroy Sane, Phil Foden (doppietta) e Mahrez. Per i padroni di casa è andato in gol Amond. Il City aspetta ora di conoscere il prossimo avversario che verrà fuori dal sorteggio di lunedì al termine della sfida di Stamford Bridge tra Chelsea e Manchester United.

A dispetto del punteggio finale, alla fine rotondo, la squadra di Pep Guardiola ottiene probabilmente il massimo risultato col minimo sforzo al termine di una partita che ha rischiato di complicarsi più del dovuto, specialmente nel primo tempo dove i Citizens hanno avuto un approcio forse un po’ troppo soft offrendo il fianco ad un avversario senza nulla da perdere. Seconda frazione migliore anche va detto che le prime due marcature sono state favorite da evidenti incertezze del portiere del Newport Country Day. A parziale scusante della prestazione in chiaroscuro del Manchester City le condizioni pessime del terreno da gioco dell’impianto gallese forse più adatto ad un match di rugby, peraltro popolarissimo da queste parti. Guardiola ha deciso di dare un giorno di riposo al suo bomber Sergio Aguero soprattutto per preservarlo in vista della sfida di Champions League contro lo Schalke 04 in programma mercoledì prossimo alla VELTINS Arena. Il sostituto dell’argentino Gabriel Jesus non ha offerto una prestazione indimenticabile lasciando pochi dubbi su chi si affiderà l’ex tecnico del Barcellona nel prestigioso appuntamento europeo. Discreta prova invece per Sane che oltre al gol realizzato è stato tra i più vivaci tra i Citizens, così come Phil Foden, talento cristallino sempre più in crescita anche nelle gerarchie della squadra. Grande personalità, bravo con la palla al piede e visione di gioco invidiabile, sono le caratteristiche principali del classe 2000 forgiato giorno dopo giorno dal tecnico catalano, e chissà che a sorpresa non venga impiegato nella doppia sfida di Champions. In generale una prestazione che lascia poche indicazioni in vista di mercoledì perchè l’impressione è che il City sia sceso in campo col pilota automatico ben consapevole di poter risolvere la partita in ogni momento, come del resto è accaduto. Servirà ovviamente un altro approcio per affrontare lo Schalke per non rischiare di compromettere la qualificazione in una competizione alla quale il Manchester City tiene molto, soprattutto quest’anno.