Questa sera riparte la Nations League con dei match che potrebbero già essere fondamentali per il passaggio al turno successivo della competizioni. Uno di questi riguarda la Lega A e mette di fronte la Polonia al Portogallo. I ragazzi di Brzęczek sono reduci dall’uno a uno con l’Italia e ora hanno due sfide in casa per conquistare la qualificazione; diverso il discorso per i campioni d’Europa che, ancora senza Cristiano Ronaldo, cercano i tre punti per mettere una seria ipoteca sul passaggio del turno. Il match dello Śląski interessa, e non poco, alla nazionale azzurra; i ragazzi di Mancini, infatti, tifano il pareggio per sperare ancora nella qualificazione.

Polonia e l’avversario in più: l’Italia di Mancini

Questa sera la Polonia non dovrà vedersela solo con il Portogallo; André Silva (rinato da quando è al Siviglia) e compagni saranno gli avversari da battere in campo ma, per uscire vittoriosi, servirà anche avere la meglio sull’Italia; gli azzurri saranno spettatori interessati di una sfida che rischia di essere decisiva per il futuro azzurro in Nations League. L’Italia, dopo le orrende prestazioni nelle prime due giornate, non ha più il destino nelle proprie mani e per sperare di continuare il cammino in questa competizione ha bisogno che esca un pareggio dalla sfida di questa sera. Potrebbe andare bene anche una vittoria del Portogallo (risultato utile solo se l’obiettivo è quello di mantenere la categoria, di salvarsi). Entrambe le ipotesi impongono agli azzurri di fare sei punti nelle ultime due sfide del girone (quelle di ritorno). Il risultato che non deve mai uscire è la vittoria polacca;  Lewandowski e compagni, con un successo, metterebbero (quasi) la parola fine ai desideri dell’Italia di passare il turno. Polonia-Portogallo, tre destini in palio. Il più importante, quello azzurro, è appeso ad un filo che non deve essere spezzato.