L’inizio dell’anno è il periodo dei buoni propositi e del calciomercato. Una finestra in cui difficilmente avvengono trasferimenti roboanti, ma in cui si pongono le basi e le strategie per la stagione a venire. In particolar modo, ma non solo, in Scottish Premiership dove i contratti sono sempre più brevi e dunque sempre più calciatori arrivano a sei mesi dalla scadenza. Di seguito verrà elencata la top 11 dei calciatori che a giugno saranno liberi di trasferirsi a costo zero. Una formazione, schierata con un 4-5-1, in grado di competere per i primi posti del campionato scozzese.

Top 11 dei calciatori che andranno in scadenza a giugno in Scottish Premiership

Tomas Cerny – Il portiere ceco non ha finora trovato spazio nell’Aberdeen in questo inizio di stagione, ma nonostante i suoi 33 anni è un estremo difensore di sicuro affidamento. Con una lunga esperienza tra Hamilton Academical, CSKA Sofia,Ergotelīs, Hibernian e Partick Thistle.

David Grey – Terzino destro il trentenne capitano dell’Hibernian, che ha perso gran parte della stagione per infortunio. Si è assicurato un posto nei libri di storia del club grazie al goal vittoria al 92′ in finale della Coppa di Scozia nel 2016 riportando un titolo che mancava da 114 anni nella bacheca degli Hibs. Basterà per restare a Easter Road?

Dedryck Boyata – Il centrale difensivo del Celtic e della nazionale belga è uno dei prezzi più pregiati di questa top 11. Gli Hoops vorrebbero cederlo a gennaio per incassare qualcosa, tuttavia il ventottenne preferirebbe svincolarsi a fine stagione per firmare un ricco contratto, magari in Premier League.

Craig Halkett – Il classe 1995 del Livingston è uno dei protagonisti della terza migliore difesa della Scottish Premiership. Lo scozzese piace ai Rangers, squadra in cui è cresciuto.

Lee Wallace – Il terzino sinistro dei Rangers ha giocato soltanto in due occasioni in questo inizio di campionato. Dopo 9 stagioni, risalita dalla quarta serie compresa, sembra essere arrivata ai titoli di coda la sua esperienza a Glasgow.

Gary Mackay – Sull’esterno dell’Aberdeen con un passato anche nel Celtic, in grado di giocare sia sulla fascia sinistra che su quella destra. In questa stagione già 6 goal e 2 assist fra tutte le competizioni. 

Graeme Shinnie – Anche lui dell’Aberdeen, il ventisettenne è un calciatore molto poliedrico che può agire sia da centrale di centrocampo che da terzino e all’occorrenza da centrale difensivo. Potrebbe pensare di seguire suo fratello maggiore, Andrew, al Luton Town nella più ricca League One. 

Scott Allan – Il centrocampista centrale, all’occorrenza anche trequartista, del Celtic non è ancora sceso in campo in questo 2018-19. A 27 anni, dopo tre stagioni in prestito tra Rotherham United, Dundee e Hibernian, è probabilmente giunta al termine la sua esperienza in biancoverde.

Scott Brown – In scadenza anche il capitano del Celtic, in rosa dal 2007. Il trentatreenne ha ricevuto offerte da Western Melbourne in Australia e da Minnesota United e Sporting Kansas City  negli Stati Uniti. Potrebbe tuttavia valutare anche di rinnovare per poi entrare nello staff di Brendan Rodgers.

 

Chris Cadden – Sulla  fascia il classe 1996 attualmente al Motherwell, uno dei migliori talenti scozzesi che sicuramente avrà molto mercato. Finora 5 assist per lui.

Tony Watt – Il centravanti non può che essere lui, celebre per aver segnato il goal del 2-1 con cui il Celtic sconfisse il Barcellona in Champions League. Attualmente ha 25 anni e gioca nel St. Johnstone.