Siamo talmente abituati al dualismo Messi o Ronaldo per quanto riguarda i goal segnati in Europa che pensare soltanto a un terzo incomodo suona strano. Figurarsi quando, come in questo caso, il soggetto è un calciatore sconosciuto ai più. Eppure Simon Terodde di goal ne ha sempre fatti, soprattutto negli ultimi anni. In Germania lo chiamano “Torodde” (Tor, parola che indica il goal e significa porta, da cui il “rete” tedesco) e alcuni lo vorrebbero anche come punta titolare della Mannschaft.

C’è un dettaglio non secondario: ha sempre dato il meglio di sé in 2.Bundesliga, la seconda divisione del calcio tedesco. Potrebbe essere il più classico dei “vincere facile”, ma quest’anno, con la maglia del Colonia in Zweite, il classe 1988 sta riscrivendo una serie di record che hanno quasi del surreale.

Quando quasi tutti i campionati europei sono al giro di boa, Simon Terodde è il miglior marcatore delle leghe professionistiche europee. Nessuno ha segnato più di lui tra i pro: sono 26 i suoi goal da agosto ad oggi, in cinque mesi di stagione tra campionato e coppe. Dietro a lui il primo inseguitore è Samatta del Genk con 23, mentre Lewandowski è a 22.

Nel corso della sua carriera ha segnato a tutte
le squadre che sono in Zweite quest’anno,
Colonia compreso.

La differenza sta però nelle presenze stagionali di Terodde rispetto a quelle dei suoi concorrenti. La star del Bayern ha collezionato 24 presenze stagionali, Samatta addirittura quattro in più. Terodde invece ha giocato soltanto 19 partite. Viaggia a una media di un goal ogni 59 minuti spesi in campo. Per rendere l’idea: Lionel Messi, 21 goal stagionali in 20 partite, ha una media di una rete ogni 77 minuti spesi in campo.

I goal di Terodde nella maggior parte dei casi sono stati decisivi per il Colonia. In 19 presenze, 1531 minuti, per 11 volte l’attaccante scuola Duisburg ha sbloccato una situazione di parità in favore della sua squadra, mentre per 4 volte ha ristabilito la parità da svantaggio. È rimasto a secco soltanto in 5 partite su 19, a digiuno soltanto una volta in trasferta, e il Colonia non ha mai vinto nessuna di queste partite. Tanto basta per definire quanto le sue reti siano pesanti.

I numeri spaventosi di Simon Terodde riguardano anche la precisione: 36 tiri in porta su 50 totali in campionato, quasi un goal ogni due tiri totali, esclusi quelli respinti. 9 goal di testa, 10 con il destro, 3 con il sinistro e 4 su calcio di rigore il bilancio.

Nonostante i numeri siano ben oltre ogni media, Simon Terodde i suoi goal (tanti) li ha sempre fatti. Per la terza stagione consecutiva in Zweite va oltre i 20 goal, sempre con una maglia diversa: con il Bochum nel 2015/16, con lo Stoccarda nel 2016/17 e, appunto, con il Colonia 2018/19. Erano 25 nelle due stagioni precedenti, prima dell’avventura in Bundesliga divisa appunto tra Stoccarda ed Effzeh dell’anno scorso. La differenza è che quest’anno i 25, tra Zweite e DFB-Pokal, li ha già superati prima di Natale. E, almeno per il momento, si gode il titolo virtuale di attaccante più prolifico della stagione.