Il Valencia è giunto nel periodo più importante della stagione con il morale alle stelle e il successo ottenuto sul campo del Villarreal nell’andata dei quarti di finale di Europa League ne è la prova. Grazie ad un’incredibile rimonta in Liga, che i pipistrelli sperano porti un quarto posto a fine campionato, Marcelino e i suoi ragazzi hanno rialzato la testa dopo una prima parte di stagione deludente e ben al di sotto delle aspettative estive. Soprattutto in questi giorni il Valencia si sta giocando un bel pezzo di stagione con due derby sentitissimi. Il primo è già stato giocato, e vinto, contro il Villarreal in Europa League mentre il secondo è in programma nella trentaduesima giornata di Liga contro il Levante.

Prima di proiettarci alla prossima sfida, è giusto soffermarci su ciò che è successo nella serata di giovedì all’Estadio de la Cerámica. Il Valencia, reduce da una brutta sconfitta in Liga che ha interrotto una striscia positiva di tutto rispetto, ha trovato le forze mentali di riprendere subito il percorso iniziato nelle prime settimane di gennaio. Nel 2019, infatti, Parejo e compagni hanno riportato gioia ed esaltazione in tutto l’ambiente Blanquinegres tornando nelle zone alte di classifica. In casa del Villarreal è andata in scena l’espressione massima della tecnica abbinata alla tattica con i due gol segnati tra il novantesimo e il novantatreesimo che non solo potrebbero valere la qualificazione alla semifinale ma che hanno messo in luce, finalmente, la qualità di una rosa che non è riuscita ad esprimersi al meglio per gran parte della stagione.

Due gol, due gioielli da vedere e rivedere, due eventi che potrebbero dare ulteriore brio al finale di stagione di una squadra che ora crede fortemente di poter raggiungere traguardi impensabili nel mese di dicembre del 2018. Nel gol del 2-1 il sinistro preciso e potente di Wass è solamente il finale di un’azione di contropiede perfettamente orchestrata. Il velo di Rodrigo che permette a Gayà di trovare dinnanzi a sé una prateria sulla fascia sinistra è istinto puro e capacità di leggere l’azione, il terzino spagnolo ci mette poi del suo servendo un pallone d’oro a Wass che, come detto, segna un gol bellissimo con un sinistro di prima intenzione che finisce proprio nell’incrocio dei pali opposto. Il secondo è l’essenza del contropiede con Cheryshev che scappa sulla sinistra prima di servire alla perfezione Gonçalo Guedes in arrivo a tutta velocità sul secondo palo, il portoghese conclude al meglio l’azione battendo il portiere ospite con un tocco di interno destro siglando la sua personalissima doppietta.

Grazie al 3-1 esterno il Valencia è ad un passo dalla qualificazione alla semifinale di Europa League. Vinto un derby ecco che ne arriva però un altro e il tempo per festeggiare un successo fondamentale è davvero risicato. La trentaduesima giornata prevede infatti la sfida tra il Valencia e il Levante. Un match ricco di storia e rivalità che per i padroni di casa è importante soprattutto per la rincorsa al quarto posto. I pipistrelli si trovano attualmente a 4 punti dal Getafe quarto e, visto il ruolino degli Azulones, non sono ammessi passi falsi. In pochi giorni, dunque, il Valencia ha la possibilità di regalarsi un finale di Liga emozionante oltre che conquistare una semifinale europea prestigiosissima.