Il campionato spagnolo, così come quello tedesco e francese, non ha adottato la nuova politica di far terminare il mercato prima dell’inizio delle partite. Solamente Serie A e Premier League hanno sposato questa “riforma”, mentre il calciomercato dei paesi sopracitati chiuderà come ogni anno il 31 Agosto. A differenza della precedente stagione non abbiamo ancora visto e non vedremo colpi da capogiro (come Dembelé e Coutinho).

In due anni le regine di Spagna hanno perso Neymar e Cristiano Ronaldo e, nonostante tali perdite, in questa sessione ad aggiudicarsi “l’oro” sul mercato è stato l’Atletico Madrid del Cholo Simeone. Nonostante l’addio di tal calciatori, la Liga non ha però perso attrazione e resta uno dei poli preferiti da tutti. A due settimane dalla fine del mercato sono arrivati molti volti nuovi, che mai hanno giocato nella massima competizione spagnola. Ne abbiamo scelti 10, scopriamo insieme i loro profili!

 

1. Thomas Lemar – 70 milioni

Andiamo in ordine economico decrescente e partiamo dall’acquisto più oneroso di questa sessione estiva. Si è parlato molto di Thomas Lemar in questi ultimi due anni, l’anno scorso sembrava a un passo dalla Premier League, ma alla fine è approdato in Liga, all’Atletico Madrid. Arriva nella capitale spagnola dunque un altro campione del mondo (insieme ai suoi compagni Griezmann e Lucas Hernandez, e a Varane sponda blancos), e arriva nel campionato da cui ogni anno esce la squadra vincitrice di un altro Mondiale, quello per Club. È un buon rinforzo per Simeone perché può ricoprire più ruoli, aggiungendo qualità e un pizzico di propensione offensiva in più al centrocampo colchonero.

2. Vinicius Júnior – 45 milioni

Fonte: Profilo Twitter ufficiale Vinicius Junior

“Il Real Madrid ha comprato il nuovo Neymar”. La classica frase che accompagna ogni tunnel, dribbling o gol di Vinicius Junior (i video su YouTube e la ICC hanno contribuito molto ad alimentare le pressioni sul ragazzo). In Brasile hanno grandi aspettative e Vinicius sembra aver cominciato molto bene la sua nuova avventura a Madrid. Ha tantissime qualità e ha bisogno di un brevissimo periodo d’adattamento in Europa, ma con gli input giusti può incidere già in questa stagione. Nelle gerarchie è ovviamente dietro Isco, Bale e Asensio, ma sicuramente avremmo modo di vederlo all’opera in questa stagione e chissà che non sia già pronto a stupire!

3. Malcom – 41 milioni

In Italia, in particolare a Roma, lo conoscono bene. Quella che potremmo definire la trattativa più calda dell’estate si è conclusa con l’ex Bordeaux in maglia blaugrana. Il Barça ha concluso l’acquisto del giocatore soffiandolo alla Roma, la quale aveva un accordo totale con club e entourage. Il classe ’97 tuttavia ha sfruttato l’occasione e ha voltato le spalle ai giallorossi perché un club come il Barcellona non si può rifiutare quando bussa alla tua porta. Come Vinicius, Malcom partirà dietro nelle gerarchie. Dembelé sta bene e sarà senza dubbio il titolare in caso Valverde scelga di schierare il tridente. La stagione però è lunga e il brasiliano riuscirà sicuramente a ritagliarsi i suoi spazi.

4. Arthur – 31 milioni

Rimaniamo a Barcellona per parlare di un altro brasiliano. Arthur Melo arriva in Europa a 22 anni dopo una Copa Libertadores con il Gremio. Esperienza non ne ha molta, ma ha un gran senso della posizione e la qualità giusta per inserirsi al meglio nella filosofia di gioco blaugrana. In ICC ha impressionato per la velocità con la quale muove il pallone e perché sembra un calciatore che raramente regala la sfera agli avversari. Davanti a lui ha senza dubbio Rakitic, Coutinho, Vidal e Rafinha (in gran forma), ma è un calciatore diverso rispetto a loro. Ha scelto la numero 8 dell’infinito Don Andrés Iniesta, una maglia non proprio leggera per iniziare una nuova avventura.

5. Arturo Vidal – 18 milioni

Fonte: Francesco Castorani

16 sono i trofei di Arturo Vidal in carriera. La sua fame di vittoria lo ha spinto in extremis a scegliere il Barcellona al posto di un Inter che ancora non è competitiva a livello europeo. Ha scelto il Barça di Leo Messi, al quale ha strappato per due volte la Copa America, che rigiocheranno entrambi in Brasile tra un anno. Ha scelto i blaugrana principalmente perché vuole dimostrare a tutti di essere ancora un calciatore di livello, capace di incidere ed essere protagonista in un grande club (un po’ ciò che gli è mancato a Monaco nell’ultimo anno). La dirigenza catalana non ha avuto dubbi e a 18 milioni rischia di aver fatto il colpaccio.

6. Karl Toko Ekambi – 18 milioni

È lui una delle novità più interessanti della prossima Liga. A Vila-Real sono ansiosi di vedere il nuovo acquisto per il quale il club ha sborsato 18 milioni di euro. Il camerunense nato a Parigi si è messo in mostra lo scorso anno all’Angers segnando ben 17 gol in Ligue 1. Nel Palmarés può vantare una Coppa d’Africa vinta in finale contro l’Egitto di Momo Salah. Ekambi andrà a formare una coppia d’attacco inedita per il Villarreal con Gerard Moreno (una delle migliori punte dello scorso campionato disputato con l’Espanyol).

7. Mouctar Diakhaby – 15 milioni

Il Valencia ha speso tanto, ma soprattutto ha speso bene andando a rinforzare i reparti in cui servivano calciatori più forti. Al centro della difesa di Marcelino vedremo presto Diakhaby, centrale classe ’96 prelevato dal Lione. In questa stagione non ha disputato molte partite e quindi il Lione ha deciso di privarsene. Il centrale francese ha senza dubbio delle lacune, ma la sua fisicità e abilità nello scontro fisico lo rendono uno dei più promettenti nel suo ruolo. Marcelino avrà tanto lavoro da fare sul ragazzo, che però ha grandi margini di miglioramento.

8. Nikola Kalinic – 14,5 milioni

Dopo aver giocato in Premier League (con il Blackburn), in Croazia, in Ucraina e in Italia con le maglie di Fiorentina e Milan, Nikola Kalinic ha firmato per l’Atletico Madrid. Nonostante una stagione deludente Simeone ha deciso di prelevarlo dal club rossonero per provare a restituirgli serenità e minuti. Sarà difficile per il croato affermarsi con la concorrenza di Griezmann, Diego Costa e Angel Correa , ma avrà le sue chances e, a 30 anni deve giocarsele al meglio!

9. Michy Batshuayi – 3 milioni di prestito

Discorso diverso per l’attaccante belga di proprietà del Chelsea. In un testa a testa con il Siviglia alla fine ad aggiudicarselo è stato il Valencia di Marcelino, in prestito oneroso. L’attaccante avrebbe avuto poche possibilità in blues vista la concorrenza di Morata e Giroud e ha scelto di cambiare aria per provare a spiccare il volo a quasi 25 anni. Ha fatto bene in Ligue 1 con il Marsiglia, al Chelsea quando utilizzato da Conte e soprattutto negli ultimi 6 mesi in Bundesliga con il Borussia Dortmund. A Valencia probabilmente sarà titolare e giocherà la Champions, la piazza ideale per mettersi in mostra.

10. André Silva – prestito

L’ultimo della nostra lista è André Silva, arrivato in prestito con diritto di riscatto al Siviglia. La promessa portoghese non è riuscita a incidere in Serie A con il Milan e con l’acquisto di Higuain e la conferma di Cutrone è stato costretto a lasciare il club che solo 12 mesi fa aveva sborsato 35 milioni per acquistarlo. A Siviglia dovrà far ricredere tutti per meritarsi il riscatto. La concorrenza di Ben Yedder e Muriel non aiuta, ma senza dubbio la squadra andalusa potrà concedergli più minutaggio del Milan.