Sotto la nostra lente d’ingrandimento cade lo Zwolle, la formazione biancoceleste che sta disputando un’Eredivisie dal doppio volto: infatti, gli uomini di Schip hanno affrontato un girone d’andata con un rendimento altissimo, giungendo prima della sosta invernale fino al 4° posto. Nel 2018, con l’inizio della seconda parte del torneo, i risultati sono stati completamente ribaltati con una difesa disastrosa e una serie di ko che hanno portato la compagine a ritrovarsi al 7° posto, l’ultimo valido per approdare ai playoff Europa League. Andiamo a vedere i dati di questa involuzione inaspettata…

ZWOLLE: LA FORMAZIONE RIVELAZIONE DEL GIRONE D’ANDATA

Il campionato olandese è iniziato il 13 agosto del 2017 con lo Zwolle che viene accreditato ad una lotta per la salvezza, visto l’altalenante passo avuto nella scorso torneo. I biancocelesti aprono alla grande con una vittoria per 4-2 contro il Roda dando vita ad un girone d’andata che andrà a stupire anche i più scettici. I ragazzi biancocelesti, partendo in sordina, chiudono al giro di boa in quarta posizione con una delle miglior difese dell’Eredivise, da fare invidia anche ad Ajax e Feyenoord con solo 17 reti subiti in 17 gare, una media di una realizzazione al passivo a match. Questo risultato è dovuto alle 9 vittorie, 6 pareggi e 2 sconfitte racimolate nella prima fase della competizione. Gli unici 2 ko sono stati subiti nelle sfide contro Psv e Ajax, le due big per eccellenza, dove un passo falso ci può anche stare. Anche i campioni del Feyenoord riecono a strappare solo un pari sullo 0-0 che porta ad accrescere la stima della compagine data per spacciata già ad inizio stagione. Il campionato non è l’unica nota positiva, infatti il PEC Zwolle si impone anche in KNVB Beker con 3 successi, 10 reti all’attivo e solo 2 al passivo. Dei numeri da grande squadra dovuti ad un lavoro maniacale del tecnico, in grado di tenere alta la concentrazione e di rendere la difesa la forza principale della rosa, difficile da espugnare e in grado di annullare facilmente qualunque reparto offensivo avversario. I biancocelesti regalano un calcio cinico ed efficace, con pochi leziosismi ed estremamente pragmatico con Saymak rinato ed essenziale in fase realizzativa con i suoi centri fondamentali per i 3 punti. Sembra tutto andare per il verso giusto, ma la pausa invernale scombina i piani della rosa.

IL GIRONE DI RITORNO: DAL PARADISO ALL’INFERNO

Il sogno dello Zwolle inizia a scricchiolare con l’ultima gara prima dello stop invernale che coincide con il 1° incontro del girone di ritorno: all’Aia, gli uomini di Schip, crollano per 4-0, chiudendo malamente un anno fantastico. Il ko viene sottovalutato e preso sottogamba dai ragazzi che riescono a farsi perdonare subito, uscendo vincenti da Breda per 1-0, ma la crisi si è ormai annidata tra le fila dei giocatori biancocelesti. In 10 giornate le sconfitte si moltiplicano fino a diventare 7, con un pari e solamente 2 successi. Psv e Ajax riescono a strappare altri 3 punti a testa e la difesa, da vanto, si trasforma nel vero punto debole del club: infatti, solo nel 2018 sono state incassate 20 reti (in 9 sfide), un numero superiore alle 17 incassate in 17 gare del girone d’andata. L’attacco inizia a latitare, mancando di concretezza e cinismo con 8 gol all’attivo, una media inferiore alla realizzazione a partita. Non contento, il PEC, incassa 4 reti in KNVB Beker dall’AZ e viene eliminato dalla competizione, gettando alle ortiche tutto quello che era stato fatto di buono nella prima frazione di Eredivisie. La formazione è scesa dalla quarta alla settima posizione con solo 4 lunghezze di vantaggio sull’Ado den Haag e dall’Heracles pronti ad insediare l’ultimo posto utile per la qualificazione ai playoff Europa League. Il mercato invernale ha interessato diversi giocatori, tra cui Sandler, acquistato dal Manchester City e lasciato in prestito in Olanda: questo inaspettato interessamento ha distratto e ha dato un senso di appagamento ai ragazzi che hanno perso la concentrazione e l’umiltà che aveva contraddistinto la società nel girone d’andata. I numeri hanno avuto un’involuzione pazzesca: i tifosi sperano in una reazione immediata, ma la luce fuori dal tunnel sembra non esserci, almeno al momento.

A.A.A. CERCARSI Zwolle disperso.