Sei vittorie consecutive nel girone con ventiquattro goal fatti e solo cinque subiti, qualificazione ai quarti di finale ipotecata grazie al tre a zero in casa del Chelsea. Il Bayern Monaco sta giocando una Champions League ad altissimo livello ed è una delle candidate principali alla vittoria finale. L’imposizione europea dei bavaresi manca dal 2013 contro il Dortmund per 2-1; da allora quattro eliminazioni in semifinale, una ai quarti e l’ultima, nella passata stagione, agli ottavi a causa del Liverpool. Sei anni di delusioni; cerchiamo di capire cosa manca al Bayern per tornare sul tetto d’Europa.

Bayern Monaco, i tre punti mancanti

Rosa corta

Il primo punto da migliorare riguarda l’ampiezza della rosa; in questa stagione sia Kovac sia Flick hanno avuto delle difficoltà a livello numerico specie nel reparto difensivo causa i numerosi infortuni. Servirebbero un terzino e un centrale per evitare continui adattamenti di ruolo. Il colpo, importante, però deve essere fatto obbligatoriamente a centrocampo dove manca un elemento in grado di unire fisicità, qualità e dinamismo; insomma un elemento completo che possa far rifiatare Kimmich e Alcantara. Da questo punto di vista Havertz è perfetto per il sistema di gioco del Bayern.

Esterni decisivi

In questa stagione è definitivamente esploso è Serge Gnabry; dribbling, velocità, capacità di creare la superiorità numerica e un contributo importante sia a livello di goal sia a livello di assist. Il problema riguarda gli altri esterni: Coutinho, Coman, Perisic per vari motivi non riescono a dare il contributo necessario per una squadra costruita per tornare a dominare in Europa.

Vice Lewandowski

Passiamo all’ultimo punto, tanto importante quanto complicato. Importante perché una grande squadra ha bisogno di un attaccante di riserva forte (Zirkzee lo è) ma anche pronto per determinati palcoscenici; complicato visto che non è facile trovare uno in grado di non far rimpiangere Lewandowski, trentanove goal stagionali. Il classe 2001 Zirkzee sarà il futuro del Bayern ma al momento, soprattutto per la Champions, serve un giocatore più maturo.

Rosa corta, esterni decisivi, vice Lewandowski: questi i dettagli che mancano al Bayern per tornare a dominare in Europa.