Torna, più aperta che mai, l’Eredivise dopo la sosta invernale. Al via il girone di ritorno con l’Ajax in testa, favorito sulle dirette inseguitrici: Psv e Feyenoord. Proprio le due big del calcio olandese si affonteranno nel 18° turno di campionato; la sfida dichiarerà chi potrà ambire ad essere l’anti-Ajax.

COME ARRIVANO LE DUE FORMAZIONI AL MATCH

Il Psv, dopo una partenza balbettante, ha recuperato molto terreno balzando in seconda posizione nell’ultima gara del girone d’andata. La formazione di Cocu ha ritrovato gli equilibri che sono venuti a mancare a causa della Champions League che ha tolto lucidità ed energie. Il club di Eindhoven ha saputo rialzarsi e ha concluso il girone europeo al secondo posto (rilegando il Manchester United in Europa League) ed è tornato in piena corsa per il titolo accorciando il gap con l’Ajax a sole tre lunghezze. L’incontro contro il Feyenoord sarà essenziale per non perdere il passo, vista l’agevole sfida contro il Den Haag dei “lancieri”. Nella gara di andata, il Psv, è riuscito a superare il Feyenoord per 3-1 e i pronostici sono tutti per i giocatori con la casacca a strisce biancorosse.

Il Feyenoord invece ha svolto una prima parte di stagione completamente all’opposto degli avversari. Dopo una partenza sprint, la macchina perfetta di Rotterdam, si è andata ad inceppare nel finale del girone d’andata, perdendo prima contatto con la capolista e finendo poi al terzo posto, superata dai nemici del Psv. La difesa è la seconda migliore del campionato, mentre l’attacco si piazza in terza posizione subito dietro alle altre due big. Il Feyenoord non può permettersi di sbagliare per non perdere ulteriore contatto dalle posizioni al vertice, i tre punti sono fondamentali.

Per la “sfida nella sfida” troviamo a confrontarsi i migliori realizzatori del girone d’andata: il capocannoniere de Jong (Psv) si presenta con 14 reti all’attivo seguito immediatamente da Kuyt con 13 realizzazioni. L’olandese ex Liverpool, sta vivendo una seconda giovinezza dando sfogo a tutto il suo talento. Sotto porta è una macchina implacabile, ottimi tempi d’inserimento conditi da conclusioni precise di destro che, fin ora, hanno lasciato ben poco scampo agli estremi difensori avversari. Il Psv però potrà far valere la forza di Zoet tra i pali: il numero 1 ha giocato tutte le gare di campionato subendo 19 reti, ottimo risultato per gli standard dell’Eredivisie. Da tenere sott’occhio anche Kramer (Feyenoord) e Pereiro (Psv), anche loro in ottima vena realizzativa.

PRECEDENTI TRA FEYENOORD E PSV

Negli ultimi 15 anni, i due club si sono affrontati per 37 volte con 17 vittorie per il Psv, 12 per il Feyenoord e 8 pareggi. Le sfide sono state piacevoli per i tifosi poichè hanno riservato, la maggior parte delle volte, risultati ricchi di goal. Salta subito alla mente la gara del 17 dicembre 2014 conclusasi sul 4-3 finale per gli uomini di Cocu. L’incontro vide protagonista Luuk de Jong autore di una splendita tripletta con ciliegina finale di Depay che regalò i tre punti in pieno recupero. Il risultato più ampio per il Feyenoord risale al 27 gennaio 2010 con un secco 0-3 rifilato al Philips Stadium. Solo negli ultimi 5 anni, i due club hanno siglato 51 reti negli scontri diretti; l’over 2.5 è assicurato per tutti gli appassionati di scommesse.

Il match d’andata si è concluso con il risultato fisso di 3-1. Dopo un autorete iniziale di Bouma, la rimonta è stata guidata prima da Lestienne (ex Genoa) che ha siglato il pari, e poi da Arias e Locadia.

La sconfitta peggiore incassata dal club di Rotterdam risale al 24 ottobre 2010 quando la formazione, ospite al Philips Stadium, venne travolta con un sonoro 10-0. Il Feyenoord scese in campo con la terza maglia di colore giallo sbiadito; i tifosi chiesero al club di eliminare la produzione di quella casacca dopo l’umiliazione subita. Se avete voglia di rivivere quel match ecco a voi il video:

Che altro dire, sedetevi comodi e gustatevi questo big match, uno dei più divertenti dell’Eredivisie.