Un derby della Ruhr diverso dal solito, senza pubblico, per tutta la situazione legata al coronavirus; una sfida, però, fondamentale per entrambe le squadre. Il Borussia Dortmund vuole riscattare la sconfitta in Champions League con la Lazio ed ottenere la terza vittoria consecutiva in Bundesliga. Discorso completamente diverso per lo Schalke alla ricerca di un successo che manca dal diciassette gennaio scorso quando la squadra si impose due a zero contro il Borussia Monchengladbach; da allora tredici sconfitte, sette pareggi, un mercato che ha visto partire gente importante, il cambio di allenatore e una situazione societaria complicata. I Knappen, però, dovranno attendere ancora l’appuntamento con la vittoria; derby al Dortmund che ha scoperto la forza della difesa.

Borussia Dortmund, una nuova solidità

Due soli goal subiti, nell’unica sconfitta (contro l’Augsburg), per una squadra che in questo inizio di Bundesliga sta riscoprendo la forza della retroguardia; il Borussia Dortmund, oltre ad incassare pochi goal, sfrutta i suoi difensori per punire gli avversari. Contro lo Schalke hanno segnato Akanji ed Hummels (in mezzo la solita rete di Haaland) per portare il Dortmund ad un solo punto dal Lipsia capolista. Il BVB sembra aver risolto il problema difensivo anche se, con le Wespen, la certezza non si ha mai. Ora serve dare continuità e qui viene il difficile; Favre può contare su una rosa forte che però non è mai riuscita a fare il definitivo salto di qualità. I prossimi mesi ci diranno se questa squadra è finalmente cresciuta.

Schalke, situazione disperata

Salgono a ventuno le partite senza vittoria per lo Schalke; una situazione che, settimana dopo settimana, è sempre più disperata. Oggi la squadra è durata fino alla rete di Akanji; una volta subito goal i ragazzi di Baum si sono sciolti come se fosse impossibile andare a riprendere la partita. Quello dei Knappen è un film visto e rivisto: squadra fragile difensivamente (sono già diciannove i goal subiti) e incapace di fare male quando propone gioco. Il cambio di allenatore non sembra aver dato quella scossa sperata; lo Schalke sembra aver già accettato di vivere una Bundesliga da semplice comparsa.