La Lazio sta disputando una stagione abbastanza positiva in campionato, ma non avendo ancora trovato completamente la propria dimensione. Questi problemi si rivedono anche durante le notti europee e il girone d’andata del gruppo si è concluso con quattro punti e se i ragazzi di Sarri vogliono passare alla fase a eliminazione diretta devono per forza cambiare marcia. Questa sera voleranno al Vélodrome dopo lo 0-0 dell’Olimpico, uno stadio che già più volte è stato caro ai biancocelesti in passato.

 

MARSIGLIA-LAZIO 0-2 CHAMPIONS LEAGUE 1999-00
La prima squadra italiana di sempre a sbancare lo stadio del sud della Francia fu la Lazio in occasione della seconda fase a gironi della Champions League 1999-00. La partita memorabile e ricordata da tutti fu senza dubbio il ritorno dove Simone Inzaghi realizzò uno splendido poker, ma anche a Marsiglia fu grande festa per la compagine romana. Dopo in primo tempo bloccato e concluso sullo 0-0 serviva una scossa nella ripresa che puntualmente arrivò grazie al serbo Dejan Stanković che riuscì a trafiggere Porato per lo 0-1 e sulle ali dell’entusiasmo arrivò anche il raddoppio. A metterlo a segno fu Sergio Conceiçao che ben servito da Marcelo Salas trovò la via del gol che concluse definitivamente la partita in favore degli Aquilotti.

 

 

MARSIGLIA-MILAN 1-2 CHAMPIONS LEAGUE 2009-10
C’erano molti dubbi sul Milan di Leonardo 2009-10 e l’esordio in Champions League era molto sentito. I rossoneri avrebbero dovuto arrivare nella vicina Marsiglia per una sfida che sapeva già di spareggio qualificazione. Lo straordinario protagonista fu come al solito SuperPippo Inzaghi che quando sentiva le note della più importante competizione europea si trasformava. Due reti da opportunista bastarono per battere Mandanda e a nulla valse il momentaneo pareggio di Heinze. La vittoria per 1-2 al Vélodrome risultò fondamentale per il passaggio del turno proprio a discapito dei francesi.

(Photo by Michael Steele/Getty Images)

 

 

 

MARSIGLIA-NAPOLI 1-2 CHAMPIONS LEAGUE 2013-14
Uno dei cammini europei più sfortunati della storia della Champions League fu senza dubbio quello del Napoli 2013-14. Un’eliminazione nella fase a gironi con ben dodici punti risulta ancora oggi un triste record che gli Azzurri avrebbero volentieri fatto a meno, ma in queste quattro vittorie si riuscirono a scrivere grandi capitoli della storia europea campana. Il Marsiglia stava vivendo una stagione estremamente complicata e nel raggruppamento con Borussia Dortmund e Arsenal chiuse mestamente a zero punti e anche il Vélodrome non migliorò il triste andamento. A fine primo tempo fu il destro di José Maria Callejón a battere Mandanda per il vantaggio e nella ripresa arrivò il raddoppio grazie al centro della riserva di lusso Duván Zapata per lo 0-2 che chiuse i conti. I francesi provarono a riprendersi nel finale dimezzando le distanze grazie ad André Ayew, ma fu tutto inutile perché a vincere furono i ragazzi di Benítez.

Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

 

 

 

MARSIGLIA-LAZIO 1-3 EUROPA LEAGUE 2018-19
Nel 2018 la Lazio di Simone Inzaghi venne inserita nello stesso girone di Europa League del Marsiglia e anche nella seconda competizione internazionale furono i biancocelesti i primi a vincere in quel del Vélodrome. La partita si mise fin da subito nel migliore dei modi con Lucas Leiva che pennellò da calcio d’angolo una perfetta palla per Wallace che di testa realizzò lo 0-1 e nella ripresa ecco il raddoppio. Ciro Immobile si trasformò in uomo assist e servì Caicedo per lo 0-2 e il centravanti ex Pescara fu decisivo anche per la terza rete di Adam Marušić che arrivò poco dopo il gol dell’OM con la punizione di Dimitri Payet, ma a gioire furono i laziali.

Photo by Marco Rosi/Getty Images)