Il Bayern Monaco, dopo la sconfitta con il Borussia Monchengladbach e le clamorosa eliminazione in DFB-Pokal subita ai rigori dall’Holstein Kiel, era chiamato a rialzare la testa. Per i bavaresi l’opportunità di allungare in classifica considerando il passo falso del Lipsia, fermato sul pareggio dal Wolfsburg. All’Allianz Arena, però, arrivava un Friburgo in ottima forma; i ragazzi di Streich, infatti, con cinque vittorie consecutive sono passati dal rischio retrocessione alla lotta per l’Europa League. Partita in totale controllo da parte dei ragazzi di Flick che si stavano complicando la vita con il solito gol subito; alla fine ci hanno pensato Lewandowski e Muller a riportare il sereno dopo una settimana complicata.

Bayern Monaco, vittoria ossigenante

Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Il Bayern Monaco va oltre le difficoltà di una settimana surreale e trova tre punti fondamentali per il morale e la classifica portandosi a più quattro sul Lipsia. Novanta minuti in cui i ragazzi di Flick hanno mostrato tutto il loro potenziale offensivo; occasioni a ripetizione e un punteggio che poteva essere molto più ampio. A decidere la sfida ci hanno pensato i due elementi più importanti, Lewandowski e Muller. I tre punti, però, non devono mascherare le lacune difensive; i bavaresi, oltre al gol subito, hanno rischiato nel finale di incassare il clamoroso due a due (traversa di Petersen). Un problema da risolvere il prima possibile perché il Bayern subisce troppo e anche oggi, alla fine, si è rischiata la beffa. Oggi, però, il bicchiere va considerato mezzo pieno e allora bene la vittoria e l’allungo in classifica.

Friburgo, rammarico finale

La sconfitta è ampiamente meritata ma, nel finale, il Friburgo ha avuto due possibilità per uscire dall’Allianz Arena con un risultato positivo. Resta comunque una squadra che ha completamente cambiato pelle e ora vuole giocarsi le proprie chance di entrare in Europa.