All’andata il Manchester United dimostrò di avere le potenzialità per battere avversari, sulla carta, superiori mentre in Carabao Cup si è imposto il City che poi è andato a vincere la competizione. Quello di domani sarà un derby particolare con i Red Devils alla ricerca dei tre punti in ottica quarto posto ma con la testa all’andata degli ottavi di Europa League contro il Lask; diverso il discorso per i Citizens che non possono recuperare il margine di distacco dal Liverpool capolista e hanno una distanza piuttosto tranquilla sul terzo posto. Per i ragazzi di Guardiola sarà una specie di allenamento in vista del ritorno di Champions, principale obiettivo stagionale di Aguero e compagni.

United, tra derby ed Europa League

La sfida contro il Manchester City ha un sapore particolare ma per lo United, e soprattutto per il futuro di Solskjær, sarà fondamentale chiudere la stagione alzando un trofeo; ecco perché il derby di domani potrebbe essere condizionato dal pensiero del Lask, prossimo avversario dei Red Devils in Europa League. Questo non vuol dire che Ighalo e compagni non proveranno a vincere un match importante in ottica quarto posto; con cinque squadre in cinque punti andare a vincere una sfida del genere potrebbe dare una spinta importante per il finale di campionato.

Manchester City, l’obiettivo è la Champions

Se lo United può pensare di qualificarsi alla prossima Champions tramite il successo in Europa League, il pensiero principale del City è proprio la coppa dalle grandi orecchie. I ventidue punti di distanza dal Liverpool capolista impongono ai ragazzi di Guardiola un cambio di rotta e allora ecco che la Premier diventa un “semplice” allenamento in vista di una competizione divenuta ancora più importante dopo l’esclusione per i prossimi due anni.

Un derby diverso dal solito: lo United cerca i tre punti ma ha il pensiero al Lask, il City guarda alla Champions.