Lo spettacolo della Liga torna ad ammaliarci gli occhi con la ventesima giornata dopo una settimana condita dalla Copa del Rey che lascerà sicuramente degli strascichi, per alcuni positivi per altri negativi, che influenzeranno il modo di approcciare le partite di un weekend che si prospetta scoppiettante.

Si parte subito con un match molto interessante che vedrà contrapposte Osasuna e Malaga venerdì sera con le due squadre che arrivano entrambe da sconfitte di misura contro due top team come Siviglia e Real Madrid, all’Estadio Reyno de Navarra il Malaga vorrà tornare a smuovere la classifica viste le quattro sconfitte consecutive che l’hanno fatta sprofondare al quattordicesimo posto mentre l’Osasuna, fanalino di coda, non vince nella Liga dal 17 ottobre 2016.

Il sabato come al solito sarà composto da quattro partite con in campo soprattutto squadre in lotta per un posto in Europa e in lotta per la salvezza. Si inizia con il Villareal che ospita il Granada, il submarino amarillo non vince da tre partite e sta attraversando un periodo difficile che cercherà di superare davanti ai propri tifosi contro un Granada che non riesce a schiodarsi dalla zona rossa. Prosegue il programma con l’Atletico Madrid che farà visita all’Alaves con l’intenzione di tornare subito alla vittoria dopo il pareggio in casa dell’Athletic Club nella scorsa giornata che ha interrotto una striscia di tre vittorie consecutive, di contro l’Alaves che ha sta facendo fatica a segnare ma naviga per ora in acque tranquille al dodicesimo posto con 23 punti.

Chiudono il programma del sabato Eibar-Deportivo la Coruna e Leganes-Celta Vigo, nel primo match la squadra di casa vuole dimenticare il prima possibile la scoppola che gli ha rifilato il Barcellona nell’ultimo weekend mentre il Deportivo è vero che è ai margini della zona retrocessione ma non perde da quattro giornate, 3 pareggi e 1 vittoria, guidato da un Florin Andone in grande forma. Nell’altra partita il Celta Vigo si presenterà allo stadio Municipal de Butarque con il morale alle stelle dopo aver eliminato le merengues in Copa del Rey ma con la consapevolezza di affrontare una trasferta difficile contro un Leganes che con il quartultimo posto non può certamente stare tanto sereno.

La domenica di Liga la aprirà il Barcellona, reduce dalla goleada rifilata all’Eibar, sul campo del Betis dove Suarez e Messi, primi a pari merito della classifica marcatori con 15 gol a testa, proveranno a dar seguito a splendide prestazioni condite da gol di ottima fattura. Alle 16:15 sarà il turno del Siviglia, reduce dalla vittoria per 4-3 in quel di Pamplona nello scorso weekend dimostrando ancora una volta che Sampaoli vuole portare questa squadra a lottare fino alla fine per il titolo spagnolo, che se la vedrà in trasferta contro un Espanyol che vuole a tutti i costi provare a rimanere agganciato al gruppo in lotta per la qualificazione alla prossima Europa League. Terza partita domenicale che vedrà l‘Athletic Club, per la seconda volta di fila tra le mura amiche dopo il pareggio per 2-2 contro i colchoneros, ospitare uno Sporting Gijon che nella scorsa giornata ha finalmente mosso la classifica con il pari contro il Betis.

Nell’ultima partita della domenica di Liga il Real Madrid ospiterà la Real Sociedad in quella che molto probabilmente è la partita che promette maggior spettacolo vista la voglia di rivalsa di Cristiano Ronaldo e compagni dopo la cocente eliminazione in Copa del Rey e l’obiettivo di tenere l’ottima posizione in classifica per gli uomini agli ordini di mister Eusebio Sacristán dopo due vittorie consecutive di cui l’ultima proprio contro il Celta Vigo all’Anoeta per 1-0.

Posticipo del lunedì di Liga con il Valencia che sta risalendo la classifica grazie alle due vittorie consecutive negli ultimi due turni con il successo per 2-0 in casa del Villareal che ha dato una bella scossa all’ambiente valenciano che, sfruttando i molti pareggi e le molte sconfitte in cui stanno incappando le squadre dal centro classifica in giù, si trova ad occupare il quindicesimo posto che visto l’inizio di stagione è un bel punto su cui provare a costruire, chissà, una marcia verso la zona Europa League. Avversario di turno per i pipistrelli sarà un Las Palmas che naviga in acque tranquille all’undicesimo posto.