Era il 22 luglio del 2011 quando un giovane centrocampista di appena 24 anni approdò per la prima volta in Italia grazie al suggerimento di Fabio Paratici che riuscì a convincerlo a indossare la maglia della Juventus: è così che ha inizio la lunga e vincente storia di Arturo Vidal, diventato il primo calciatore ad aver vinto consecutivamente otto titoli nazionali consecutivi in tre dei maggiori campionati europei.

Il suo record prende vita tingendosi di bianconero, con i quattro scudetti vinti tra il 2012 e il 2015, quelli su cui successivamente la Juventus avrebbe costruito la squadra che ci incanta ancora oggi. A completare il quadro poi ci hanno pensato i tre titoli conquistati in Bundesliga con il Bayern Monaco e l’ultimo in ordine temporale, vinto appena qualche giorno fa con la maglia del Barcellona. E pensare che la sua avventura europea non era cominciata con il piede giusto: dopo aver incantato tutti in Cile con la maglia del Colo Colo, squadra del suo cuore a cui è riuscita a regalare tre titoli consecutivi, Vidal era stato acquistato dal Bayer Leverkusen, unico club in cui è rimasto a mani vuote.

Gli otto titoli consecutivi vinti da Arturo Vidal. Grafica a cura della redazione di Footbola

Qualche anno dopo invece la storia si è capovolta, portando il cileno a scrivere nuovi record, sbaragliando addirittura la concorrenza di giocatori come Cristiano Ronaldo, in grado sì di diventare il primo giocatore a trionfare in Premier League, Liga e Serie A, fermandosi tuttavia a 6 titoli conquistati non consecutivamente. L’unico giocatore in grado di superare Vidal al momento è Ljubomir Fejsa, centrocampista del Benfica che ha vinto nove titoli di fila (con il decimo in fase di costruzione), ma in lege minori come quella serba, greca e portoghese.

Nessuno quindi può sbarrare il passo a King Arturo: nonostante una stagione formata da più bassi che alti, tanti problemi fisici e appena due gol segnati con la squadra di Valverde, Vidal è stato in grado di entrare ugualmente nella storia con un primato difficilissimo da scippargli. Ma la stagione non è di certo finita, dato che nel mirino del cileno e di tutto il Barcellona c’è ancora la Champions League, trofeo promesso dal giocatore ai suoi nuovi tifosi che potrebbero ritrovarsi presto nuovamente sul tetto dell’Europa.