Finisce 1-1 il posticipo del London Stadium tra West Ham e Stoke City che ha chiuso il turno di Premier League. Le reti, tutte nella ripresa, sono state realizzate da Peter Crouch per gli ospiti e da Andy Carroll dai padroni di casa. Con questo pareggio i Potters raggiungono quota 28 punti, mentre gli Hammers salgono a 35 ma con una partita da recuperare.

Risultato che probabilmente scontenta entrambe ma senza dubbio è lo specchio di quello che si è visto nell’arco dei novanta minuti. Alla fine è lo Stoke che esce con il grande rimpianto di non aver portato a casa un successo che poteva risultare fondamentale per la corsa alla salvezza. La squadra di Paul Lambert forse non avrebbe meritato di portare a casa l’intera posta, ma una volta in vantaggio non è riuscita a condurre in porto la gara subendo la beffa finale del goal di Carroll. Una mazzata sicuramente al morale dei Potters già non troppo alto vista la situazione quasi disperata a quattro giornate dal termine. Nelle prossime due partite lo Stoke dovrà vedersela con due avversarie particolarmente dure come Burnley e Liverpool, prima di chiudere il campionato con due sfide più morbide contro Swansea e Crystal Palace.

Il West Ham rischia grosso ma viene salvato dal rientrante Carroll che in pochi minuti entra subito in partita realizzando una rete di pregevole fattura come spesso gli è successo nel corso della sua sfortunata carriera. La squadra di Moyes ha affrontato il match con un atteggiamento molto guardingo preoccupandosi di non scoprirsi troppo. Una tattica che non ha soddisfatto più di tanto gli oltre cinquantamila dello stadio Olimpico che hanno mugugnato più di una volta nel corso dei novanta minuti. La prodezza di Carroll consente agli Hammers di guardare con più tranquillità il finale di stagione nonostante il calendario non sia molto favorevole nelle ultime cinque giornate. Il vantaggio sulla zona calda appare comunque rassicurante e solo un autentico suicidio sportivo potrebbe portare Noble e compagni in Championship.