Il mercato estivo sta vivendo le ultime, frenetiche, ore con le squadre alla ricerca dei ritocchi finali. In Bundesliga ci sono due club che hanno scelto l’Italia come supermercato last minute; stiamo parlando di Lipsia e Eintracht Francoforte. I primi, dopo la bella vittoria sul campo del Gladbach, hanno chiuso la trattativa per Patrik Schick in arrivo dalla Roma; le Adler, invece, si preparano ad accogliere André Silva pronto a non far rimpiangere Rebic ceduto ai rossoneri. Si tratta di investimenti coraggiosi visto il rendimento non proprio brillante dei due attaccanti. Lipsia ed Eintracht provano a far rinascere due promesse mancate del calcio italiano.

Schick ed André Silva, ultima occasione

Kean e Cutrone hanno scelto la Premier per consolidarsi a livello internazionale; Schick ed André Silva, invece, vanno in Germania con l’obiettivo di rinascere. Partiamo dal giocatore ceco: arrivato a Roma con le caratteristiche del campione non è mai riuscito ad imporsi come avrebbe voluto. I suoi due anni nella capitale hanno avuto pochissimi alti e tanti bassi con il giocatore incapace di reagire alle critiche di un ambiente tanto generoso quanto crudele. Dove è finito lo Schick che ha incantato tutti con la maglia della Sampdoria? A Roma non lo hanno mai visto. Nagelsmann proverà l’ennesimo miracolo di una carriera, fino a questo momento, piena di soddisfazioni.

Passiamo ad André Silva; la sua avventura in maglia rossonera non si può certamente definire positiva. Il giocatore portoghese è stato colpito dalla “maledizione del numero 9” che si è abbattuta su tutti gli attaccanti post Inzaghi. La realtà dei fatti è che André Silva non si è mai inserito nella realtà italiana e a farne le spese è stato il Milan. Ora l’avventura in Germania con l’Eintracht Francoforte dove avrà il compito, piuttosto difficile, di sostituire Rebic.

Schick al Lipsia e André Silva all’Eintracht Francoforte: l’ultima chance per dimostrare il loro reale valore. Ci riusciranno? Il campo darà la risposta.