Continua la favola Le Havre. La formazione allenata da Oswald Tanchot supera nello spareggio lo Stade Brestois con un secco 2-0 targato Jean-Pascal Fontaine e Alexandre Bonnet. Les Ciel et Marine è chiamata all’ultimo sforzo prima della gioia della promozione: venerdì, infatti, dovrà sfidare l’Ajaccio, classificatosi terzo nella regular season di Ligue 2, per ottenere un posto nella prossima Ligue 1. Con un gol per tempo, Le HAC si è sbarazzato senza troppi patemi della squadra ospite al termine di una partita dove la tensione è sfociata in ben due cartellini rossi: uno a Butin, l’altro a Youga. Ad illuminare lo Stade Océane ci ha pensato proprio Jean-Pascal Fontaine che ha realizzato con uno splendido colpo di piatto a giro (e che trovate in fondo all’articolo).

Capitano, bandiera e goleador: la notte meravigliosa di Alexandre Bonnet – Il gol che ha chiuso definitivamente la contesa nella seconda parte di gara porta la firma del simbolo dell’HAC, Alexandre Bonnet, giunto all’ottava stagione in maglia celeste-blu. Il capitano, felice come un bambino, ha comunque predicato la calma ricordando come questo sia soltanto il primo passo e che la sfida con l’Ajaccio rappresenti il vero e proprio dentro o fuori per coronare una stagione esaltante. Alla 261^ presenza con la maglia dell’Havre, l’ex Tolosa ha forse realizzato la rete più importante delle 33 messe a segno da quando è diventato un calciatore della formazione situata nella Normandia.

I gol di Mateta per sognare la Ligue 1 – Il capocannoniere del Ciel et Marine è invece rimasto a secco nella semifinale dei playoff: con 17 gol realizzati nell’intero campionato di Ligue 2, Jean-Philippe Mateta, giovane attaccante arrivato in prestito dal Lione, è stato l’artefice del terzo posto in classifica dell’Havre oltre che il capocannoniere della squadra. Per avere la meglio su un Ajaccio non particolarmente irresistibile in difesa, venerdì i celesti-blu avranno bisogno delle reti del proprio goleador che è pronto a regalare ai tifosi della società più antica del calcio transalpino una promozione in Ligue 1 mancante dal 2009-2010, quando retrocessero dopo due stagioni nel massimo campionato francese.