La stagione tedesca è ufficialmente iniziata con il “kick off” della Supercoppa di Germania che ha visto un nuovo episodio della saga Borussia Dortmund-Bayern Monaco. Ad avere la meglio sono stati i ragazzi di Ancelotti che riportano a casa un trofeo che mancava dalla stagione 2012-2013 quando si imposero per due a uno sempre sui “gialloneri”.

Ancelotti ha già superato Guardiola

La stagione è appena cominciata eppure il tecnico italiano è già entrato nei cuori dei sui tifosi. La vittoria in Supercoppa di Germania rende Ancelotti migliore di Guardiola; infatti l’attuale allenatore del Manchester City, alla guida del Bayern non era mai riuscito a vincere questo trofeo. Il tecnico spagnolo non amava troppo questa competizione e lo dimostrava inserendo un undici quasi sperimentale. Cosa che invece non ha fatto Ancelotti, che ha schierato il suo undici migliore perché la gara era una finale e le finali vanno vinte. Il suo Bayern, però, non ha giocato una splendida partita; all’inizio si è fatto sorprendere dal pressing estenuante del Borussia che ha avuto la colpa di non sbloccare il match. Nella ripresa la squadra di Tuchel è inevitabilmente calata e allora i campioni in carica della Bundesliga sono venuti fuori e con Vidal e Muller hanno vinto la partita. In tre anni Guardiola non è mai riuscita a vincere la Supercoppa, Ancelotti ci è riuscito al primo colpo ed è per questo che è già entrato nel cuore dei suoi tifosi.

Subito Hummels

Dopo un inizio con qualche incertezza di troppo dovuta ai fischi ricevuti, Hummels è entrato in partita e non ha praticamente sbagliato nulla (eccezion fatta per l’anticipo sbagliato su Ramos). Un minimo di pressione, comunque, era prevedibile per il difensore del Bayern che tornava, da avversario, al “Signal Iduna Park” dopo averci giocato per ben otto anni; un lasso di tempo che Hummels ha completamente dimenticato a dieci minuti dalla fine quando ha servito l’assist per il due a zero. In quel momento i fischi si sono fermati, tutto lo stadio era in silenzio perché era successo quello che nessuno voleva che accadesse. Da quel momento la partita non ha avuto più senso, il cuore dei tifosi del BVB era letteralmente andato in frantumi.

Ancelotti, vincere la Supercoppa potrebbe essere stato un male

L’aver perso la finale, forse, al Dortmund non ha fatto poi tanto male perché la storia parla chiaro: chi vince la Supercoppa difficilmente, poi, alza il “Meisterschale“. E’ una di quelle leggi non scritte del calcio che assume la forma di pura scaramanzia ma che trova nei numeri una spietata conferma: gli ultimi tre anni chi ha vinto il campionato? Il Bayern Monaco che però non è mai riuscito a portare a casa la Supercoppa; e la stessa sorte è capitata al Borussia che l’ultima volta che ha vinto la Bundesliga aveva iniziato la stagione perdendo la “DFL-Supercup”. Ancelotti forse questo particolare non lo sapeva e ora per vincere il campionato dovrà anche fare i conti con la maledizione della Supercoppa.

Dalla “DFB-Pokal” alla “DFL-Supercup“: il Bayern aveva chiuso la stagione con un titolo e ricomincia alla stessa maniera. Una vittoria di carattere e forza per mettere in chiaro battere i ragazzi di Ancelotti sarà veramente difficile.