Kantè: l’occasione di una vita!

Dopo Michy Batshuayi, sembra essere in dirittura d’arrivo il secondo colpo pesante per il Chelsea di Antonio Conte. N’golo Kante è infatti a un passo dai Blues, che (così affermano molte testate) avrebbero stracciato la concorrenza di Real Madrid e Psg.

La clausola rescissoria del giocatore era di 20 milioni di sterline, ma l’offerta del Chelsea l’ha ampiamente superata raggiungendo 30 milioni di sterline (45 milioni di euro). Antonio Conte, abbandonata la pista Nainggolan, ha accelerato fortemente per Kantè, uno dei 3 protagonisti principali della storica vittoria del Leicester.

Se N’golo Kante approderà a Stamford Bridge (manca ancora l’ufficialità), i Blues avranno regalato un guerriero perfetto per un condottiero come Antonio Conte. In una stagione il 25enne francese è passato dall’anonimato alla gloria; solo 5 anni fa infatti calcava i campi della Championnat National (la nostra Lega Pro) con la maglia del Boulogne. Dopo questa stagione ha invece nel suo palmares una Premier League pazzesca, vissuta da protagonista con il Leicester di Ranieri.

Kantè ha inoltre partecipato ad Euro 2016 con la Francia, con un rendimento inferiore rispetto a quello mostrato con il Leicester, causa probabilmente il lungo ed estenuante campionato inglese, in cui ha totalizzato 37 presenze e 1 gol. Le ha giocate praticamente tutte!

Centrocampista duttile e con una capacità di resistenza impressionante, Kantè ha mostrato a un occhio attento di avere anche un buon piede. La sua caratteristica principale è la fase d’interdizione in cui quest’anno non ha avuto rivali, e proprio su questa qualità vuole puntare Antonio Conte per dare freschezza ed efficacia al centrocampo londinese. In un possibile futuro in Blues Kantè, anche per le sue capacità d’adattamento, potrebbe occupare senza problemi più ruoli. Se Conte infatti decidesse per il non cambio di modulo mantenendo il 4-2-3-1, il 25enne francese avrebbe senza dubbio il compito di “recupera-palloni”, vicino a un Fabregas, che, con Kantè vicino, sarebbe più spensierato e lucido nell’impostare. Se invece l’ex Ct dell’Italia optasse per il suo 3-5-2, N’golo potrebbe tranquillamente ricoprire il ruolo di intermedio vicino a Fabregas e Matic, uno dei quali si sposterebbe in cabina di regia.

Kantè: l’umile guerriero

Cuore e corsa. Umile guerriero è un misero tentativo di descrivere questo giocatore, ma fortunatamente c’è Ranieri che, in un’intervista di qualche mese fa, lo ha così descritto:

“Kanté è il beniamino di tutti perché è un ragazzo che non parla mai, sorride sempre. Gli chiedi come sta e sta sempre bene, quando gli dico di non correre troppo e di far girare la palla lui mi dice ok e poi lo vedo che corre, attacca, ritorna, è inesauribile. Non mi stupirò se un giorno crosserà la palla e andrà a colpire di testa per fare gol. Tutti i suoi compagni gli vogliono bene, quando guardiamo gli highlights si vede sempre Kantè che attacca davanti, torna indietro, copre, riparte e a quel punto tutti si mettono a ridere, è immenso“.

Il Leicester lo ha scoperto, lui li ha ripagati alla grande, ottenendo la gloria e i cuori dei circa 300.000 abitanti della città e di un mondo intero che ha seguito questa favola. Ranieri si è già cautelato nel caso il francese andasse via, comprando il centrocampista del Nizza Nampalys Mendy, controfigura in tutto e per tutto di Kantè. Cosa deciderà N’golo lo scopriremo presumibilmente nel giro di pochi gironi.

Il Leicester ha già proposto un ricco rinnovo (100.000 sterline a settimana); il Chelsea aspetta solo di presentarlo. Per citare nuovamente Sir Claudio Ranieri: “Il futuro di Kantè è tutto nelle sue mani“. Il francese, a un mese dall’inizio della Premier, è di fronte a un bivio, la cui scelta sembra ormai fatta, ma finchè non arriverà l’ufficialità, i tifosi delle Foxes spereranno in un Vardy-bis.

 

Impostazioni privacy