La sconfitta in Carabao Cup, contro il Manchester United, è stato il classico incidente di percorso di una squadra che ha il diritto di poter sbagliare. Questa sera, a Vicarage Road, i Blues hanno ripreso a correre. Un successo, il quinto consecutivo in Premier League, per i ragazzi di Lampard che salgono momentaneamente al terzo posto (in attesa del Leicester) e si candidano in maniera prepotente per la Champions League. Decisivo il solito Abraham, autore di un goal e un assist. L”attaccante, con quello di oggi, raggiunge un particolare record: sono sette le reti realizzate in trasferta superando un certo Hazard che, nella scorsa stagione, si era fermato a quota cinque. Il Chelsea vince mentre il Watford continua a non sbloccare la tabella dei successi.

Abraham e un Chelsea formato trasferta

Il Chelsea vola grazie al formato trasferta; i Blues hanno eguagliato il record di vittorie esterne del 1988-89 e Abraham ha segnato il settimo goal lontano da Stamford Bridge. Un binomio che sta facendo volare Lampard; il tecnico, dopo un periodo iniziale di normale difficoltà, sembra aver trovato la formula giusta per permettere alla sua squadra di viaggiare nelle posizioni nobili della classifica. Attualmente il Chelsea è al terzo posto e, giornata dopo giornata, si ha la sensazione che questa squadra possa migliorare. Il record esterno dimostra come la squadra riesca ad esprimersi meglio quando non è costretta a fare la partita; nel prossimo turno il Crystal Palace per continuare a volare.

Watford, non si spezza l’incantesimo

L’impegno era proibitivo ma il Watford non riesce a spezzare l’incantesimo; i ragazzi di Flores hanno perso ancora e lo zero dalla casella “partite vinte” non si modifica. Una situazione che peggiore ogni settimana con la squadra incapace di fornire una reazione; agli Hornets manca l’orgoglio, la scintilla per cambiare una stagione che sembra già segnata.