Non può passare Eredivisie senza una goleada incredibile dell’Ajax: lo scorso anno toccò al Venlo, in questa stagione la vittima è il Cambuur: alla Johan Cruijff Arena, i biancorossi ne rifilano 9 agli ospiti che non possono far altro che arrendersi alla netta superiorità degli avversari. Il largo trionfo in Champions ha risvegliato la squadra di Ten Hag che si è sbloccata e ha ritrovato quel gioco che era sparito ad inizio stagione. Con una rosa così, i campioni d’Olanda tornano a far paura, conquistano il primato e se lo godono in attesa che il Psv scenda in campo.

9-0 ALLA JOHAN CRUIJFF ARENA: L’AJAX È DEVASTANTE E SCOPRE DARAMY

Paradossalmente, quando una squadra vince per 9-0, c’è ben poco da scrivere vista la netta superiorità sul piano tecnico: la situazione perde di interesse quando si parla dell’Ajax che, ormai, regala un larghissimo risultato ogni Eredivisie. La formazione di Ten Hag si sveglia dal suo torpore e ritorna a macinare gioco e ad asfaltare gli avversari. Lo scorso anno toccò al Venlo, con un 13-0 inflitto proprio al De Koel che vide protagonista il giovane Traorè autore di un pokerissimo personale.

Dopo il 5-1 in terra portoghese in Champions League, i campioni d’Olanda si ripetono in un’altra prestazione sopra le righe che un chiaro messaggio alle rivali per il campionato: i biancorossi di Amsterdam non sono partiti benissimo ad inizio stagione, ma ogni difficoltà sembra ormai alle spalle con il Psv che viene chiaramente avvisato da questa prova di forza. La neo promossa Cambuur non può far altro che incassare per andare poi andare, definitivamente, ko con il triplice fischio troppo lontano rispetto ai loro desideri: 9 gol sul tabellone dello stadio, 24 sigilli in Eredivisie, primo attacco della competizione, terzo successo successo consecutivo in Olanda, 4° trionfo di fila se contiamo anche la trasferta di Lisbona ed un solo gol incassato in campionato. I numeri sono pazzeschi per l’Ajax che sta dimostrando di non essere mai sparito dalla circolazione, come molti club avrebbero sperato: Ten Hag scaccia le critiche, annienta gli avversari e comincia a far veramente paura.

Ben 7 marcatori diversi in questa enorme festa del gol: apre le marcature Timber che poi lascia spazio a Berghuis, Mazraoui, Tadic, Haller, Danilo, Daramy e Neres che è l’unico ad aver centrato la porta per 2 volte: il brasiliano regala anche un bellissimo assist. Altro protagonista, neanche a dirlo, è l’attaccante serbo con 2 suggerimenti vincenti e una marcatura, per tenere alto il suo ritmo: 5 partite, 3 reti e 3 assist in Eredivisie. Infine parliamo di Daramy, il giovane talento che arriva da Copenaghen: il ragazzo entra nella ripresa per dare il cambio a Tadic, 5 minuti e prima rete nel massimo campionato olandese. La presentazione è ottima e si è notata anche la voglia di lottare e combattere sul terreno di gioco: l’avversario era alle corde, ma nonostante questo c’è da attribuirgli anche un assist per il definitivo 9-0 di Neres. Il classe 2002, 19 anni, ha fatto vedere che le potenzialità ci sono: Ten Hag lo sta facendo scendere in campo con il contagocce, ma il danese è un altro da tenere d’occhio.