Alexis Sanchez entra di diritto nella leggenda del calcio cileno consacrandosi come il giocatore probabilmente più importante della storia della nazionale: con la partita di ieri sono infatti 37 le sue marcature in nazionale, le stesse di Marcelo Salas, attuale co-leader della classifica marcatori d’ogni tempo con la maglia del Cile, il cui record è durato 11 anni e 297 giorni .

Il Niño Maravilla è destinato ovviamente a superare lo storico Matador che ha vestito in Italia le maglie di Lazio e Juventus visto che ancora deve compiere 29 anni e giocherà tantissime partite in nazionale. Un ostacolo per questo primato potrebbe essere rappresentato dal suo gemello del gol Edu Vargas che attualmente è a quota 32, a solo 2 lunghezze da Ivan Zamorano e vicinissimo anche lui a superare Marcelo Salas. Questa coppia grazie a numeri da capogiro si consacra come il miglior tandem d’attacco della storia cilena superando proprio quella dei due ex bomber che hanno militato in Italia.

Alexis Sanchez inoltre vanta già da tempo notevoli statistiche con gli assist in nazionale: sono 29 i suoi passaggi decisivi che superano i 18 di Jorge Valdivia, ancora in attività. In quanto a presenze invece l’ex Udinese è il secondo della storia del Cile con 108 partite alle spalle di Claudio Bravo che ne ha 111 ma che difficilmente verrà superato nonostante il gap minimo.

Questi numeri confermano quanto Alexis Sanchez sia il meglio del meglio della storia del calcio cileno. La figura simbolo assieme ad Arturo Vidal delle due vittorie in Copa America non può non essere messa a capotavola nell’Olimpo del calcio cileno.