L’Atalanta strappa Koopmeiners: AZ completamente rivoluzionato

Proprio negli ultimi giorni di mercato si è avverato l’incubo dei tifosi dell’AZ Alkmaar: dopo aver perso Bizot, Boadu e Stengs, anche Koopmeiners saluta e fa le valigie per raggiungere la sua nuova destinazione che sarà Bergamo. L’Atalanta, alla ricerca di un centrocampista duttile, non ha avuto dubbi e ha corteggiato il ragazzo sin dall’apertura di questo mercato estivo: alla fine Gasperini ha avuto quello che voleva, un giocatore in grado di ricoprire più ruoli e con un piede estremamente educato.

KOOPMEINERS: DUTTILITÀ, VISIONE DI GIOCO E FREDDEZZA DAL DISCHETTO

Lo avevamo annunciato e alla fine è accaduto: anche Koopmeiners abbandona l’AZ Alkmaar e vola in Italia per accasarsi nella città di Bergamo sulla sponda Atalanta. Gasperini ha premuto tanto per avere il ragazzo che ha, come dote fondamentale, una grande duttilità, potendo ricoprire ogni ruolo a centrocampo e anche quello di difensore centrale.

Il club olandese, con l’addio di Teun, saluta l’ultimo elemento fondamentale che ha permesso alla società di tornare in Europa e di lottare per la conquista del titolo, insieme all’Ajax: Koopmeiners si aggiunge alle cessioni di Boadu al Monaco, Stengs al Nizza e Bizot al Brest. Jansen ha tra le mani una formazione del tutto nuova che dovrà ricostruire da capo per poter tornare a raggiungere quei risultati che Slot riuscì a conquistare in pochissimo tempo. Un’impresa ardua visto l’inizio zoppicante della rosa che sta cercando di trovare il suo equilibrio dopo essere stata privata dei suoi leader.

Le doti di Koopmeiners non sono un mistero e le abbiamo già trattate in passato: il ragazzo ha un’ottima visione di gioco e riesce a dettare perfettamente i tempi dell’azione. Davanti alla difesa può ricoprire sia il ruolo di regista che quello di interditore mentre, se spostato un po’ più avanti, è adatto anche a svolgere i compiti di trequartista con inserimenti interessanti e verticalizzazioni precise. Negli ultimi anni, l’AZ lo ha sfruttato anche come difensore centrale, arretrandolo ulteriormente: la risposta è stata positiva con un buon senso della posizione e una marcatura solida e aggressiva. Non è da sottovalutare anche il fiuto del gol del ragazzo: l’ultima annata ha superato il suo record personale in Eredivisie con 15 realizzazioni in 31 partite. Il talento olandese è anche rigorista e questo ha facilitato il numero elevato di marcature: dal dischetto è implacabile, freddo e cinico.

Nel 3-4-2-1 di Gasperini, Koopmeiners può ricoprire tranquillamente il ruolo dei due centrocampisti davanti alla difesa prendendo il posto di Freuler o Pasalic. In caso di emergenza, può essere adattato in difesa anche come centrale, dando respiro a Palomino. Partendo dalla mediana, con i giusti movimenti di Ilicic e Malinovsky, potrebbe inserirsi tra le maglie nemiche e regalare spunti alternativi alla classica manovra offensiva. Sicuramente, l’arrivo all’Atalanta per 15 milioni è un vero affare per Percassi che ha regalato al suo allenatore un giocatore sul quale si può puntare ad occhi chiusi.

 

Impostazioni privacy