L’AZ continua a cavalcare il suo momento magico: la vittoria per 2-0 contro il Venlo regala il secondo posto in classifica con l’Ajax distaccato di 2 lunghezze. Gli uomini di Van den Brom inanellano il 6° successo consecutivo con una prestazione di grinta e forza che ha dato i suoi frutti solo nell’ultimo quarto d’ora di gara. I padroni di casa del De Koel hanno disputato una partita intensa e hanno causato più di un problema alla società di Alkmaar che ha saputo stringere i denti e, con un pizzico di fortuna, ha strappato anche i 3 punti. Infatti la realizzazione, che ha sbloccato l’incontro, è arrivata su autorete di Seuntjens che beffa il suo portiere, spianando la strada agli avversari.

AZ DA SECONDO POSTO: PSV NEL MIRINO E AJAX ALLE SPALLE

Van den Brom sta andando oltre ogni più rosea aspettativa: il suo AZ gioca, soffre e alla fine strappa il 6° successo consecutivo contro un Venlo ostico e ben messo in campo. La società di Alkmaar vola in classifica approfittando dello stop dell’Ajax: attualmente, i biancorossi, balzano al secondo posto in solitaria e si avvicinano al Psv che deve disputare ancora il match contro lo Sparta Rotterdam al Philips Stadion. Una cavalcata trionfante quella degli ospiti che sbloccano il difficile incontro solamene nel finale, precisamente nell’ultimo quarto d’ora. Dopo un primo tempo equilibrato e a reti bianche, nella ripresa si accende l’AZ che alza il ritmo senza trovare spazi utili. Il gol del vantaggio, che sblocca in modo prepotente la gara, giunge da un’autorete di Seuntjens che su calcio d’angolo, per anticipare un avversario, colloca la sfera nella propria porta. Gli schemi saltano con il Venlo che si riversa alla ricerca di un miracoloso pari: le linee si allargano e il raddoppio giunge inevitabile con Hatzidiakos. Un 2-0 tutt’altro che facile che sottolinea ancora il grande lavoro che sta svolgendo l’allenatore dei gialloneri che restano la migliore neopromossa della stagione e che, sicuramente, potrà raggiungere una tranquilla permanenza in Eredivisie.

Intanto l’AZ si gode il secondo gradino del podio e sogna una rimonta al Psv, in fuga solitaria verso il titolo. L’attacco sta rispondendo bene alle sollecitazioni del tecnico con uno score di tutto rispetto: 24 realizzazioni in 14 incontri, 1,7 di media a match che purtroppo resta drasticamente inferiore alla capolista e all’Ajax che viaggiano con una media che è quasi doppia. La difesa invece è migliorata enormemente negli ultimi tempi con solo 15 centri al passivo, la terza della competizione: solo 3 nelle ultime 6 partite (4 delle quali clean sheet) con un reparto che sta acquistando sempre più fiducia e che si muove con una compattezza e attenzione incredibile. Van den Brom ha rialzato il club dopo un periodo di difficoltà e un’altalenanza di risultati impressionante: ora la rosa ha un unico obiettivo, incanalato ed assimilato da ogni singolo reparto. L’attacco riesce ad essere cinico, preciso e letale appena ne ha l’occasione mentre il centrocampo si divide perfettamente sia in fase di spinta che di ripiego. La difesa invece è migliorata notevolmente e concede pochissimo agli avversari restando alta e stretta per non concedere inserimenti ai nemici. Il 4-3-3 funziona alla perfezione e ora tutti i meccanismi sembrano oliati nel giusto modo: con un passo del genere e questa consapevolezza, l’AZ si potrà togliere tantissime soddisfazioni nell’arco del campionato. Obiettivo? Un posto in Champions, ma raggiungere il Psv alieno è nelle corde della compagine di Alkmaar, unica squadra ad aver battuto la capolista al momento.