Arrivano le big e con loro anche lo spettacolo: la Confederations Cup entra nel vivo con la super sfida tra Portogallo e Messico che si conclude con un divertentissimo 2-2 deciso dal colpo di testa del neo acquisto della Roma Hector Moreno.

Superiore nei singoli il Portogallo, più collaudato e affiatato il Messico. I campioni d’Europa impostano la propria gara sulle sfuriate tecniche di Cristiano Ronaldo e Quaresma, coadiuvati talvolta dagli inserimenti di un non troppo frizzante André Gomes e dalle sovrapposizioni di Raphael Guerreiro, molto propositivo in fase di spinta ma altrettanto impreciso nei compiti difensivi.

Il Messico fatica a trovare la propria identità complici le gambe non troppo reattive di Herrera e Guardado che non riescono a dare lo strappo decisivo in fase di ripiego, al contrario di quanto accade solitamente. Osorio mantiene comunque lo schema ad imbuto che porta il gioco avversario a svilupparsi verso il centro dove campeggia un certo traffico di maglie bianche.

Sul primo episodio va in vantaggio il Portogallo: Salcedo buca clamorosamente e manda in porta Cristiano Ronaldo che perde il passo ma serve meravigliosamente un Quaresma dimenticato da Moreno e abile a saltare Ochoa e infilare il pallone a porta vuota.

Poi l’immediato pari messicano in maniera analoga: liscio disastroso di Guerreiro e palla per Vela che con un assist di pregevole livello tecnico serve uno spietato Chicharito Hernandez che continua a migliorare il proprio score in nazionale.

Nella ripresa situazioni di gioco sempre simili con il Messico più elegante e rotondo nel fraseggio ed il Portogaallo sempre molto spezzettato nella sua proposta di gioco.

Cambiano i protagonisti in campo: nelle fila portoghesi vedono il campo Adrien Silva, Gelson Martines a André Silva; Osorio invece manda in campo Giovani dos Santos, Araujo e Oribe Peralta.

La partita si regge su un sostanziale equilibrio fino a quando il Portogalo non accelera: Ochoa è costretto a salvare su un’incornata del nuovo centravanti del Milan ma poco dopo deve osservare il pallone entrare in rete a causa di un fortunato gol di Cédric che con una deviazione trova il raddoppio lusitano.

Il protagonista di giornata però tocca ricordarlo è Hector Moreno. Protagonista in negativo prima con l’errore in marcatura sul primo gol del Portogallo ma eroe nel finale quando la sua incornata sugli sviluppi dell’ultimo corner entra in rete. Pessima la marcatura di José Fonte ma importantissimo il gol del neo romanista.

Alla fine il risultato rispecchia i valori visti in campo e dà giustizia ad un Messico che meritava sicuramente di più di quello che stava ottenendo.