Il Vitesse si è qualificato alla fase a gironi della Conference League e il merito è stato proprio di Wittek, terzino arrivato in Olanda solo un anno fa. Il ragazzo è cresciuto nella Serie B tedesca e ha fatto tantissima gavetta prima di diventare l’eroe del club di Arnhem che lo deve ringraziare per essere tornato stabilmente in Europa.

WITTEK, DALLA 2.BUNDESLIGA ALLA CONFERENCE LEAGUE CON IL VITESSE

Maximilian Wittek, classe ’95, è nato a Frisinga in Germania dove ha iniziato il suo percorso calcistico nel Monaco 1860 l’altra formazione che rappresenta la città di Monaco di Baviera, dopo il più famoso e vincente Bayern. Il ragazzo, dopo aver militato nella rappresentativa locale TSV Eching è stato tesserato dai biancocelesti nel 2003: da quel momento in poi è iniziata la scalata verso la prima squadra con il debutto in 2.Bundesliga nel 2014. In quell’anno furono ben 22 le presenze con una realizzazione all’attivo. Il club ne capisce subito le ottime doti si spinta e di corsa e gli cuce addosso una maglia da titolare che abbandonerà 2 anni dopo.

Infatti, nell’estate della stagione 2017-2018 passa in forza al Furth per tentare la tanto ricercata promozione in Bundesliga. Wittek si mise subito in mostra con ottime prestazione e siglando 4 reti nel suo primo campionato in maglia biancoverde. Il suo fiuto per il gol è un elemento che ha sempre colpito i suoi allenatori che, con il passare del tempo, lo hanno riscoperto anche centrocampista laterale in una difesa a 3. L’unico vero problema è una corporatura fragile che lo rende vittima di qualche infortunio di troppo che lo ha sempre portato a non potere dare il massimo. Finiti i 3 anni di contratto, l’occasione di cambiare aria gli arriva direttamente dall’Olanda e precisamente dal Vitesse che lo porta ad esordire in Eredivisie nel 2020 con un posto da titolare che non abbanonerà più.

La prima stagione olandese è super positiva per Wittek che trova piena fiducia nel nuovo tecnico Letsch, tedesco come lui: 32 presenze e una sola realizzazione. Il suo apporto è fondamentale per poter centrare i preliminari di Conference League. I ragazzi di Letsch non sbagliano nulla e si presentano alla partita decisiva contro l’Anderlecht: dopo l’andata conclusasi per 3-3, lo show del terzino parte al ritorno con un 2-1 che porta la sua firma con una doppietta inaspetta ma che mette in risalto tutti i suoi pregi. 2 reti bastano ad eliminare i belgi e a portare il Vitesse nella nuova competizione europea. Nel 2020, l’ottima stagione di Wittek, consente al terzino di essere convocato anche con la sua nazionale under-20. Il ragazzo, adesso, ha tutte le carte in regola per affermarsi definitivamente: Letsch ha tra le mani un ottimo giocatore che sta facendo rendere quasi al 100%. L’obiettivo stagionale? Combattere per il titolo ed arrivare il più lontano possibile in Conference.