I tre punti arrivati contro il Mainz fanno sognare in grande il Bochum. Dopo la sconfitta all’esordio contro il Wolfsburg arriva finalmente un successo. Il Vonovia Ruhrstadion si fa teatro della prima vittoria della squadra in questa Bundesliga. Pronosticati dai più come candidati alla retrocessione in Zweite ora i bianco-blu possono provare a credere un’impresa. La speranza è certamente la loro migliore arma a disposizione. Una rondine non fa primavera e la rosa non sembra assolutamente al livello delle altre candidate alla lotta per non retrocedere. Il Greuther Furth parte un gradino sotto di loro ma l’Arminia, 16esima forza del campionato, da l’impressione di essere di un livello migliore. Le speranze del Bochum passano da partite proprio come quella contro il Mainz. Vincere questi scontri diretti può essere importantissimo per credere nel miracolo.

Bochum, le speranze di mantenere la categoria hanno dei nomi e dei cognomi

Vedendo la partita di sabato scorso contro il Mainz risulta evidente che il migliore in campo sia stato Simon Zoller. Dopo aver trascinato la squadra in Bundes con 15 gol e 6 assist ora ha iniziato con 2 passaggi vincenti in altrettanti partite. Inutile girarci intorno, il successo stagionale del Bochum passa anche e soprattutto da lui. A 30 anni sembra aver raggiunto quella maturità tale che lo può mettere al centro di questo progetto, lui lo sa e ha capito che deve fare tutto il possibile per salvare i compagni. Gioca principalmente al centro dell’attacco ma a volte può essere impiegato sulla destra o come seconda punta. Non è dotato di un’accelerazione fulminante ma compensa con una buona capacità di creare occasioni per i compagni.

L’altro nome dal quale possono dipendere le fortune del Bochum è l’esterno destro Gerrit Holtmann. Suo il gol dell’1-0 contro il Mainz al termine di una buona azione innescata proprio da Zoller. La combinazione tra i due può fare le fortune di una squadra che ha poche possibilità ma vuole provare a sfruttarle tutte.