Mercato da record, tra cifre e numero di acquisti, soprattutto a Siviglia, la vera capitale del calciomercato della Liga. Il Betis ha mosso tante pedine, tra partenze dolorose come quelle di Pau López, Firpo e Lo Celso, ad arrivi importanti culminati con l’attesissima ufficialità di Borja Iglesias.

Terza squadra in tre anni per il Panda, passato dai grandi numeri in Segunda col Saragozza a una splendida stagione con l’Espanyol per passare poi al Villamarín rinunciando a giocare l’Europa League con i periquitos. Si tratta del secondo acquisto più caro della storia del Betis, giusto per intendere quanto sia stato voluto Borja Iglesias dalla sua nuova squadra: 28 milioni che battono i 22 pagati al Psg per Lo Celso e si accodano solamente a quelli spesi per Denilson.

Era il 1997, altri tempi, altro Betis: il brasiliano divenne in quel momento l’acquisto più caro di sempre con più di 5 miliardi di pesetas, all’incirca 35 milioni di euro. Più di Rivaldo al Barcellona e Ronaldo all’Inter, ma con un’esperienza divisa tra una prima parte veramente complicate e un secondo spezzone, ripartito dopo una parentesi di ritorno in Brasile, molto convincente al fianco di Joaquín.

Joaquín che sarà compagno anche di Borja Iglesias, per un attacco che adesso può affidarsi a un centravanti dai grandi numeri e più coordinato rispetto a Loren Morón, ragazzo lanciato con ritardo dal settore giovanile molto pratico ma non particolarmente tecnico. Si tratta di una crescita importante per la dimensione del Betis, che dopo le tre cessioni di lusso riparte dal suo nuovo centravanti e da Nabil Fekir, il calciatore chiamato a dare la scossa tecnica all’attacco verdiblanco.

Tutto alla ricerca di un salto di qualità necessario dopo una stagione interdittoria, frenata soprattutto dall’inattesa eliminazione in Europa League contro il Rennes. Quell’Europa League è l’obiettivo dichiarato del Betis di quest’anno, per dare un senso a quest’estate di porte scorrevoli, di sofferti addii e di nuovi importanti arrivi. Per una Siviglia capitale più che mai del mercato di Liga.

 

 

Segui Footbola anche sulla nostra pagina Facebook.