Una delle squadre a destare più curiosità è, senza ombra di dubbio, il Wolfsburg; i Wölfe, nella prossima stagione, torneranno a disputare la Champions League a distanza di cinque anni. Una competizione che toglierà energie, fisiche e mentali, e potrebbe incidere negativamente sul rendimento in Bundesliga; il campionato, infatti, resta l’obiettivo principale di una squadra il cui obiettivo è quello di qualificarsi nuovamente per l’Europa. Il precampionato dei lupi di Germania non sta andando molto bene anche se il primo vero test (quello da non fallire) sarà contro il Preußen Münster, l’otto agosto, in DFB-Pokal.

Wolfsburg, una stagione complicata

Il triplo impegno è una novità a cui il Wolfsburg non è assolutamente abituato; gestire la rosa sarà fondamentale e, da questo punto di vista, dovrà essere bravo Mark van Bommel. Il tecnico è alla seconda esperienza da tecnico dopo l’avventura, non andata proprio al meglio, con il PSV; occasione importante in cui poter dimostrare le proprie qualità in un club ambizioso. Dal punto di vista tecnico parliamo di un allenatore che vuole imporre il proprio gioco e praticare un calcio tanto bello quanto efficace. Gli elementi per mettere in pratica le sue idee ci sono, soprattutto dalla trequarti in avanti; il problema può riguardare il campionato dal momento che Bundesliga ed Eredivisie sono praticamente due mondi opposti. In Germania si da molta importanza alla fase difensiva ed è un aspetto su cui van Bommel dovrà lavorare se vorrà dare solidità ad una squadra che, nella passata stagione, ha subito 37 gol.

Cosa aspettarsi dal Wolfsburg? Le prime uscite ufficiali saranno importanti per capire se van Bommel è riuscito ad imporre la propria filosofia di gioco. La curiosità nel vedere un tecnico alle prime armi sulla panchina di una squadra qualificata in Champions League è tanta ma anche i dubbi lo sono; soltanto il campo potrà dirci se questo matrimonio sarà redditizio.