Bundesliga, la partita da non perdere: Lipsia-Monchengladbach

Sfida tra due squadre in uno stato di forma completamente diverso. Il Lipsia, dopo aver riaperto la Bundesliga portandosi a meno due dal Bayern Monaco, vuole vincere per restare a contatto con la vetta e continuare a sperare nel Meisterschale. Discorso completamente diverso per il Borussia Monchengladbach reduce dalla sconfitta in Champions League con il City e alla ricerca di una scossa o il rischio di restare fuori dall’Europa è molto alto. Novanta minuti fondamentali per il futuro di Roten e Fohlen: vietato sbagliare.

Lipsia, restare a contatto

Una partita complicata sotto tanti aspetti: l’avversario che, nonostante il periodo complicato, non può permettersi altri passi falsi e la necessità di ottenere obbligatoriamente i tre punti dopo essere tornata in corsa per il titolo. I ragazzi di Nagelsmann, infatti, sono praticamente costretti a vincere sempre considerando come il Bayern, difficilmente, perderà altri punti. Una situazione non semplice ma che i Roten devono provare a sfruttare; la squadra ha dimostrato di avere le carte in regola per arrivare fino in fondo nonostante il problema degli attaccanti persista. I pochi gol delle punte sono un problema che, alla lunga, rischia di presentare il conto; la speranza è quella di trovare la scintilla nella sfida di domani.

Borussia Monchengladbach, serve la scossa

Una vittoria nelle ultime cinque partite di Bundesliga, il quarto posto distante nove punti e la sconfitta, prevedibile, nell’andata degli ottavi di Champions League; il momento del Borussia Monchengladbach è decisamente complicato e, da questo punto di vista, la sfida in casa del Lipsia non aiuta. I ragazzi di Rose, però, devono assolutamente cambiare marcia perché il rischio di restare fuori dall’Europa è molto alto. Una squadra che si è spenta nelle ultime settimane non riuscendo più ad esprimere le proprie qualità. Serve una scossa; un altro passo falso, infatti, rischierebbe di mettere fine ai sogni europei del Gladbach.

Impostazioni privacy