Continua il folle mercato del Milan; i rossoneri, desiderosi di tornare il prima possibile ai vertici del calcio italiano ed Europeo, stanno facendo una campagna acquisti (la prima con la nuova proprietà) importante. L’ultimo colpo del club di Milanello è Hakan Çalhanoğlu; il giocatore, acquistato dal Bayer Leverkusen per una cifra sui ventidue milioni di euro più bonus, sbarca in Italia con tutta l’intenzione di diventare il nuovo trascinatore del Milan. Andiamo a vedere chi è il giovane talento che ha fatto innamorare i dirigenti rossoneri

Çalhanoğlu, tra genio e follia

Tre anni passati al Bayer Levekusen conditi da diciassette goal in settantanove presenze; Çalhanoğlu è stato il leader tecnico delle Aspirin, il giocatore in grado di accendere la manovra offensiva del club tedesco e quello da cui nascevano le principali azioni pericolose. Il talento turco nasce come trequartista ma può ricoprire anche il ruolo di attaccante esterno; è però dietro la punta che rende al meglio grazie alla sua capacità di mandare in porta la punta di riferimento (molti sono stati gli assist che ha fornito al Chicharito Hernández). Tra le sue caratteristiche migliori troviamo, senza ombra di dubbio, quella di calciare le punizioni; Çalhanoğlu, con il suo piede destro, è in grado di segnare da qualsiasi posizione (fantastica la punizione messa a segno contro il Borussia Dortmund quando giocava con l’Amburgo). Non solo aspetti positivi; il futuro fantasista del Milan, infatti, ha un carattere particolare che lo può portare ad estraniarsi dal campo per più partite oppure a prendere iniziative come quella che gli è costata la squalifica per sei mesi. Proprio la sua condizione fisica sarà un aspetto che i rossoneri dovranno valutare attentamente visto che Montella, a breve, avrò già il primo impegno ufficiale con il preliminare di Europa League.

L’impatto sul Milan

Cosa può dare Çalhanoğlu al nuovo corso rossonero? L’imprevedibilità, che nell’ultimo anno è venuta meno, nella manovra offensiva e la possibilità di segnare direttamente da calcio di punizione (nel calcio moderno i calci piazzati hanno una grandissima importanza nell’economia di una partita). Ventitré anni ed un talento purissimo sono contrastati da un carattere particolare e dalla mancanza di continuità; se Montella riuscirà a levare questi due aspetti negativi, allora Çalhanoğlu potrà veramente essere il crack del mercato rossonero.