Nella sfida al terzo posto contro il Leicester, a salvare il Chelsea dalla nona sconfitta stagionale ci ha pensato Antonio Rudiger. E non grazie alle sue capacità da difensore, ma da quelle di goleador improvvisato che sono già entrate nella storia: nessuno forse si aspettava la clamorosa doppietta del tedesco, uno che per ruolo e attitudini è abituato a incidere sulle partite in modo totalmente diverso.

E invece sono stati proprio i suoi due colpi di testa vincenti a evitare ai Blues l’ennesimo KO in una stagione dal doppio volto, cominciata con grande entusiasmo ma continuata fra troppi alti e bassi. Tutto è accaduto nel giro del secondo tempo: i due gol di Rudiger sono stati intervallati dalla rimonta momentanea a opera di Barnes e Chilwell, un altro difensore trasformato in goleador in questa folle partita.

Il tedesco però non è il primo nella storia del Chelsea a compiere questa impresa. L’ultimo difensore ad aver segnato una doppietta su azione per i Blues fu John Terry, nel derby vinto per 3-0 contro il Fulham nel 2013: in quell’occasione a marcare il terzo gol fu un altro difensore, David Luiz, un caso più unico che raro nella storia del calcio inglese. Sette anni dopo la storia si ripete, con un esito diverso ma sempre con Lampard in campo, l’unica costante rimasta invariata in tutto questo tempo, anche con un ruolo diverso all’interno della squadra.

L’euforia della circostanza però non deve rendere meno grave la situazione che sta attraversando il reparto difensivo dei londinesi: la doppietta di Rudiger infatti non cancella i tanti gol subiti nelle ultime settimane dal Chelsea, circa 1.5 subiti contro gli 1.7 segnati a partita. Inoltre, quella contro il Leicester è la sesta occasione in cui i Blues non sono riusciti a vincere partendo da una situazione di vantaggio, un dato terrificante che soltanto il West Ham è riuscito a battere.

Segui Footbola anche sulla nostra pagina Facebook.