In Germania, prima dell’inizio della Bundesliga, si disputa il classico primo turno della DFB-Pokal; lo scorso anno la competizione è stata vinta dal Borussia Dortmund in finale sul Lipsia. Riuscirà il BVB a difendere il titolo il più a lungo possibile? In attesa di capirlo andiamo a vedere come è andato il primo turno della coppa di Germania; non mancano le sorprese.

DFB-Pokal, bene quasi tutte le big

Partiamo dagli ultimi vincitori della DFB-Pokal, il Borussia Dortmund; i ragazzi di Rose hanno fatto il proprio dovere in casa della Wehen Wiesbaden, squadra di terza divisione. Una partita controllata senza nessun problema dalle Wespen con un Håland subito protagonista; l’attaccante norvegese, sessanta gol in sessanta partita con il Borussia, ha realizzato una tripletta mettendo in scena anche una curiosa esultanza, le flessioni. Buona la prima per i campioni in carica.

Non ha deluso le aspettative nemmeno la finalista perdente della scorsa edizione, il Lipsia alla prima uscita ufficiale con Marsch allenatore. In casa della Sandhausen è finita quattro a zero per i Roten e la miglior notizia è stata, senza ombra di dubbio, l’esordio (con gol) di Szoboszlai; il talento ungherese, dopo una stagione sfortunata a causa dei problemi fisici, è finalmente a disposizione del Lipsia. Obiettivo? recuperare il tempo perduto per portare il club il più in alto possibile.

Bene anche Leverkusen Borussia Monchengladbach, due squadre con le potenzialità per poter dire la loro in questa competizione. Chi, invece, ha deluso è l’Eintracht Francoforte; le Adler sono cadute contro lo Sportverein Waldhof Mannheim 07 (club di terza divisione) dimostrando di aver ancora bisogno di tempo, per assimilare i concetti di Glasner e di qualche innesto dal mercato per completare la rosa. Discorso a parte per il Wolfsburg di van Bommel; i Wölfe hanno sì vinto ma i cambi effettuati sono stati sei, uno in più di quelli previsti dal regolamento. La conseguenza potrebbe essere la sconfitta a tavolino; non un grande inizio per il tecnico olandese.

Per quanto riguarda le due retrocesse della scorsa stagione, lo Schalke non ha avuto problemi mentre il Werder Brema è stato eliminato dal VfL Osnabrück. Momento piuttosto complicato per i Grün-Weißen, fuori dalla coppa e con Osako e Sargent ceduti rispettivamente al Vissel Kobe e al Norwich.

Concludiamo con il Bayern Monaco che non è potuto scendere in campo per disputare il proprio match; i ragazzi di Nagelsmann, finito sotto accusa per un pre-campionato non proprio brillante, sono stati fermati dalla quarantena del Bremer SV. La data del recupero sarà stabilita da entrambi i club.