Dopo una sconfitta e due pareggi il Crystal Palace ha trovato la prima vittoria in Premier League. Sabato, contro il Tottenham, è arrivato un netto tre a zero; successo meritato per i ragazzi di Vieira che hanno preparato, interpretato e giocato la partita nel migliore dei modi. Pressing costante, raddoppi continui (specialmente su Kane) e il giusto cinismo offensivo quando gli Spurs erano sulle gambe causa anche l’espulsione rimediata da Tanganga .
Protagonista assoluto della vittoria delle Eagles l’ex Celtic Édouard, protagonista all’esordio con una doppietta. Il classe 1998 può essere l’arma in più per il Crystal Palace in una stagione lunga, complicata ma con un solo obiettivo in testa, la salvezza

Édouard, tecnica e fisicità al servizio di Vieira

Acquistato l’ultimo giorno di mercato per venti milioni di euro, Édouard si è presentato dopo quattro anni con la maglia del Celtic dove aveva dimostrato un buonissimo feeling con il gol. Il dubbio principale riguardava il passaggio dal campionato scozzese alla Premier League, torneo difficile e in cui bisogna assolutamente alzare il livello. L’esordio sembra aver tolto qualsiasi dubbio: primo pallone toccato e subito gol per poi coronare la giornata con la doppietta. Due gol per abbattere il Tottenham ed entrare immediatamente nel cuore dei tifosi Eagles. Giocatore dotato di una gran forza fisica, abile nel colpo di testa, ha nel suo repertorio anche una discreta tecnica. Contro il Tottenham ha messo sul campo tutte queste qualità più una straordinaria precisione all’interno dell’area di rigore. Altro aspetto decisamente positivo è stata la connessione con Zaha; i due si sono trovati a meraviglia come se giocassero assieme da una vita e non solo da pochi minuti. Non poteva sognare esordio più bello; il difficile però viene adesso con Édouard che dovrà confermarsi nelle prossime partite. Il calendario, da qui alla prossima sosta, non è per nulla semplice; il Crystal Palace dovrà provare a fare più punti possibile per restare fuori dalla zona retrocessione e con un Édouard così sembra tutto più semplice.