Si entra nel vivo del girone di ritorno dell’Eredivisie. Le soprese potrebbero fioccare dopo i risultati dell’ultima giornata: il Feyenoord non può più fallire se non vuole perdere il treno per lo scudetto. L’Ajax ha un ostico match contro la sopresa Heracles, mentre il Psv potrebbe approfittare per accorciare il gap dalla vetta. Nella bassa classifica, il Graafschap ha l’occasione per rientrare nella corsa salvezza.

LA LOTTA AL VERTICE

L’Eredivisie sta trovando le formazioni che si contenderanno il titolo fino all’ultima giornata. La capolista Ajax affronterà la sorpresa del torneo, l’Heracles. All’Amsterdam Area si prospetta una gara viva e piena di capovolgimenti, soprattutto per l’ottimo momento di entrambe le formazioni. I pronostici non sono a favore degli ospiti: negli ultimi 21 scontri diretti, non risulta nessuna vittoria, solo 4 pareggi e 17 successi per il club della capitale. Fortunatamente le statistiche sono fatte per essere stracciate. Turno agevole per il Psv, ospite sul campo dell’Excelsior. Sulla carta ci si aspetta una passeggiata per gli uomini di Cocu. Gli avversari hanno perso lo scontro diretto contro il Roda e arrivano da 4 sconfitte consecutive, mentre gli ospiti cercano i 3 punti per non perdere contatto dalla vetta, anzi potrebbero approfittare di uno stop dei “lancieri” per balzare in testa. Il Feyenoord non può più sbagliare dopo un inizio di 2016 da incubo: 2 sconfitte e primato che dista 11 lunghezze con l’Heracles che si è avvicinato pericolosamente. Per non mandare in frantumi questa ottima Eredivisie, i tifosi chiedono la vittoria contro l’Heerenveen in piena crisi di risultati e altalenante nelle zone basse della classifica. Il match più equilibrato resta quello tra Vitesse e Zwolle: la vincente potrebbe diventare una delle pretendenti alla qualificazione in Europa League, passando ovviamente per i playoff. Entrambe arrivano da una sconfitta e la logica ci potrebbe far pensare ad un pareggio scritto, ma il bello dell’Eredivisie è che, proprio queste sfide si rivelano sempre spettacolari, non solo per i gol, ma per lo spettacolo.

L’ASPRA LOTTA RETROCESSIONE IN EREDIVISIE

Si accende la lotta anche tra i club che non vogliono abbandonare l’Eredivisie: il Graafschap, fanalino di coda, è chiamato ad una grande prestazione nel proprio stadio per avvicinare la zona playoff salvezza. Il match non è proibitivo e vedrà come avversario il Den Haag. Se i padroni di casa giocheranno con la stessa cattiveria degli ultimi incontri, qualche speranza potrebbe aprirsi per il futuro. Difficili match per Roda, Twente e Cambuur che affronteranno rispettivamente Utrecht, Nec e Az. Inutile dire che Utrecht e Nec si stanno giocando i playoff di Europa League e non hanno la minima intenzione di rallentare. Il Tukkers devono risalire al più presto per non rischiare la retrocessione in Eestre Divisie. Il Cambuur resta la formazione più debole attualmente e le speranze di vittoria con l’Az sono veramente poche, anche se il club ci ha abituato ad exploit grandiosi proprio nelle peggiori situazioni. Infine resta l’ultimo match tra Willem e Groningen, il più equilibrato nonostante i punti di distanza in classifica. I due club arrivano entrambi da una crisi dalla quale desiderano uscire. Gli ospiti vogliono rendere meno anonima la stagione in Eredivisie e non lasceranno scampo ai padroni di casa, costretti al successo per una boccata d’ossigeno.

Il campionato olandese resta completamente aperto in tutte le posizioni della classifica. Diversi scontri diretti cominceranno a delinerare le aspettative dei club. Qualcuno si dovrà accontentare di ridimensionare i propri obiettivi, ma questo d’altronde è il calcio e soprattutto l’Eredivisie.