Continua a sorprendere il Feyenoord di Slot che dimentica il pari in Conference League ed asfalta il Psv al Philips Stadion: i Boeren perdono la testa della classifica e qualche certezza, dopo un avvio di stagione fantastico. Primo stop per Schmidt che non riesce a leggere il match: un ko pesante che, però, non cambia le ambizioni del club di Eindhoven. I Rotterdammers sorridono, danno continuità alla loro crescita e mettono la freccia per il ruolo di outsider.

TOORNSTRA FA VOLARE IL FEYENOORD: IL PSV CEDE IL PASSO ALL’AJAX

Un risultato che lascia poco all’immaginazione: il Feyenoord regala una prestazione sopra alle righe e blocca, per la prima volta in campionato, un Psv che sembrava imbattibile fino a questo momento. Slot mette in atto la partita perfetta con i Rotterdammers che sbancano un Philips Stadion di nuovo pieno dopo le lunghe restrizioni causate dalla pandemia.

Nessuna gioia per il Psv che incassa un pesante 4-0 che riporta Schmidt e i suoi calciatori sul pianeta Terra: i Boeren hanno cercato di ribaltare l’esito del match, ma la poca lucidità e la stanchezza hanno giocato un brutto scherzo alla squadra di casa. Il vero protagonista è Toornstra, autore di una doppietta: insieme a lui, salgono in cattedra Linssen e Dessers. Slot può essere veramente soddisfatto con la sua formazione che cresce di consapevolezza e gioco, partita dopo partita: i biancorossi di Rotterdam lanciano un messaggio all’Eredivisie e dimostrano di essere i veri outsider per la corsa al titolo. Non sarà una questione a 2: Ajax e Psv dovranno stare attenti a non sottovalutare i rivali che stanno trovando gli automatismi giusti per puntare a qualcosa di importante.

In avanti, il Feyenoord è devastante e i Boeren non riescono ad arginare gli ospiti, troppo veloci e in grado di trovarsi ad occhi chiusi: le fasce non reggono l’urto, il centrocampo viene schiacciato e l’attacco isolato. Schmidt, in difficoltà, nonostante i cambi non riesce a cambiare l’esito di un match scritto sin dal primo minuto. Un bagno di umiltà che farà bene al club di Eindhoven che viene ridimensionato da una grande prestazione dei Rotterdammers. La classifica cambia radicalmente: l’Ajax conquista la vetta, il Psv resta secondo ad una lunghezza di distanza mentre, gli 11 di Slot, salgono a 9 punti con una partita in meno e un potenziale aggancio al secondo gradino del podio se dovesse arrivare il successo nella partita mancante. L’Eredivisie non ha ancora un padrone: i Boeren dovranno essere attenti e non abbassare mai la guardia.