La seconda semifinale della DFB-Pokal metteva di fronte Bayern Monaco ed Eintracht Francoforte; le due squadre, dopo essersi incrociate poche settimane fa in Bundesliga, si affrontavano per stabilire chi avrebbe raggiunto il Leverkusen in finale. Il match, a differenza di quello disputato lo scorso ventitré maggio, è stato più equilibrato (in termini di punteggio) ma a vincere sono stati sempre i bavaresi. I ragazzi di Flick, dopo aver messo in cassaforte il Meisterschale, proseguono il loro cammino verso la conquista del triplete. A decidere il match ci hanno pensato Muller e Lewandowski, i due giocatori più importanti del Bayern Monaco.

Bayern Monaco, obiettivo raggiunto

E’ stata più complicata del previsto (nonostante una gara dominata dai primi minuti) ma il Bayern ha ottenuto la qualificazione alla finale di DFB-Pokal; un successo raggiunto grazie ai due giocatori simboli. Muller si è reso protagonista dell’ennesimo assist stagionale dimostrando, ancora una volta, la sua importanza per il sistema di gioco di Flick. Trequartista completo tornato a livelli straordinari da quando i bavaresi hanno cambiato guida tecnica; chi, invece, non ha mai smesso di stupire è quel Robert Lewandowski arrivato a quota quarantacinque goal stagionali. Media impressionante per il numero nove forte del mondo. I due, assenti sabato prossimo per squalifica, sono la marcia in più di una squadra che vuole vincere tutto.

Eintracht, stagione finita

La DFB-Pokal, in una stagione decisamente complicata (complice le cessione di Jovic, Rebic e Haller), era l’unico obiettivo rimasto all’Eintracht Francoforte; le Adler ci hanno provato ma sbancare l’Allianz Arena è una missione decisamente complicata. I ragazzi di Hutter sono comunque riusciti a mettere in difficoltà i bavaresi tenendo il match sempre in equilibrio ma è mancato quel pizzico di coraggio in più per provare a compiere l’impresa. Ora l’obiettivo dell’Eintracht è quello di terminare il campionato nel miglior modo possibile.