Prosegue la settimana caldissima del Lipsia; prima la scelta di Nagelsmann di abbracciare il progetto Bayern Monaco e nella giornata di oggi l’ufficialità del nuovo tecnico; si tratta di Jesse Marsch che torna alla Red Bull Arena dopo l’esperienza da vice nella stagione 2018/2019 quando la squadra concluse il campionato al terzo posto. Si tratta di una scelta famigliare considerando come anche il Salisburgo faccia parte del circuito Red Bull. Riuscirà il tecnico ad imporsi in Bundesliga e a portare i Roten al tanto desiderato Meisterschale? In attesa che il campo ci dia una risposta andiamo a vedere lo stile di gioco del nuovo tecnico del Lipsia

Jesse Marsch e un calcio decisamente offensivo

Marsch quest’anno vincerà il secondo campionato sulla panchina del Salisburgo, l’ottavo consecutivo nella storia del club. Un tecnico con un’ide di gioco prettamente offensiva. Il suo modulo di base è un 4-2-4 dove la coppia di esterni ha il compito di venire dentro al campo per sfruttare le loro qualità e aiutare le due punte; sotto questo aspetto la società dovrà intervenire sul mercato considerando quanto, nella stagione attuale, si sia fatta sentire tremendamente la mancanza di un vero numero nove (i numeri realizzativi di Poulsen, Sørloth e Hwang dicono dieci gol in tre). Con questo sistema di gioco possono tornare decisamente utili Angeliño e Szoboszlai; il primo, proprio grazie a Nagelsmann, è diventato uno dei terzini sinistri più impattanti a livello internazionale mentre l’ungherese ritrova il tecnico grazie al quale ha attirato l’attenzione proprio del Lipsia. L’occasione per lo stesso Szoboszlai di mostrare le sue qualità visto i problemi fisici avuti da quando è stato acquistato dai Roten. In un modulo del genere sono fondamentali i due centrocampisti centrali che hanno il compito di fare da diga e creare il giusto equilibrio tra i reparti per riuscire a supportare i quattro tenori.

Lipsia, quali obiettivi? 

In attesa di capire se la squadra riuscirà a conquistare la DFB-Pokal con l’arrivo di Jesse Marsch inizia un nuovo ciclo con due obiettivi ben chiari, quello di restare a grandi livelli in ambito internazionale ma soprattutto andare a conquistare quel Meisterschale che la società ha messo nel mirino da quando il club è tornato in Bundesliga.